10 dicembre 2016

Unioni civili, Ferranti, Commissione Giustizia: “Sulla stepchild adoption la politica è un passo indietro alla giurisprudenza”

L’On. Donatella Ferranti, Presidente della II Commissione Giustizia della Camera, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it), in merito al Ddl Cirinnà sulle unioni civili.

“E’ un importante risultato essere arrivati con un testo in aula su un tema su cui l’Italia è sicuramente inadempiente, come il riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali –ha affermato Ferranti-. Purtroppo la legge ha avuto un iter un po’ travagliato, ci sono degli aspetti su cui è importante avere la massima convergenza. Il tema delle adozioni in casi particolari deve essere affrontato con qualche aggiustamento, proprio per avere un voto più condiviso possibile tra le forze politiche. Parliamo di diritti civili quindi ci dovrebbe essere un consenso parlamentare un po’ più ampio. Bisogna valorizzare molto il fatto che si arrivi ad una disciplina delle unioni civili in tempi celeri. Sotto il profilo delle adozioni credo che in un contesto di rivisitazione della materia, non possiamo non valutare che la giurisprudenza sta utilizzando già in alcuni casi, nell’interesse del minore, l’articolo 44 della legge sulle adozioni, le adozioni in casi particolari. Quando si verifica un legame affettivo tra il minore e l’adottando, ci sono delle sentenze che approvano l’adozione. La politica non può stare un passo indietro alla giurisprudenza”.

Fonte: Radio Cusano Campus