5 dicembre 2016

Legge elettorale, Prof. Parlato: “Italicum pericoloso, crea un deficit di rappresentanza”

Il Prof. Giuseppe Parlato, docente di storia contemporanea all’università internazionale di Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “La storia oscura”, condotta da Fabio Camillacci su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Riguardo la legge elettorale. “L’Italia ha bisogno di governabilità. – ha spiegato Parlato – La storia ci insegna che la governabilità non si sposa con il sistema proporzionale puro, che favorisce la rappresentanza politica in maniera aritmetica. Non traduce i risultati elettorali in governabilità. Per questo si sta studiando un sistema che garantisca la governabilità sacrificando la proporzionalità. Quello che mi preoccupa è che questo discorso nella storia d’Italia è stato fatto altre due volte, con legge Acerbo nel 1923 e con la legge maggioritaria del 1953, la cosiddetta legge truffa. In queste due occasioni era una coalizione che gestiva il premio di maggioranza, in questo caso è un partito. Questo a mio avviso è un elemento pericoloso. Considerando il livello di affluenza delle urne di oggi, un partito che ottiene il 40% avrebbe un 20% di elettorato reale. Questi sono elementi che mi fanno pensare ad un deficit di rappresentanza politica nel futuro, che sarebbe compensato dall’efficienza. Ma più efficienza c’è e meno controlli ci sono, e questo mi preoccupa.”

Fonte Radio Cusano Campus