10 dicembre 2016

Violenze Colonia, Michela Namut: “Ministro della giustizia tedesco non hai mai detto che le violenze siano state pianificate”

Michela Namut, giornalista tedesca, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it), in merito alle violenze avvenute a Colonia la notte di Capodanno.

“Il ministro della giustizia Maas non ha detto che le violenze sono state pianificate –ha affermato Namut-. Lui ha detto che questo fenomeno diffuso anche in altre città è impossibile che non sia stato organizzato, ma si riferiva ad un’organizzazione magari tramite i social network. Il ministro parla di azioni non pianificate, ma accordate. Dire invece che sia stata un’operazione pianificata non è possibile al momento, perché le indagini non vanno in questa direzione”.

“I giornali più di sinistra accusano quelli di destra di strumentalizzare politicamente i fatti avvenuti –ha spiegato Namut-.  C’è un grande dibattito in questo senso. Le violenze sulle donne purtroppo è un tema quotidiano in tutte le culture, non può certo essere circostanziata solo agli immigrati. I reati avvenuti a Colonia saranno difficilmente perseguibili perché non sono stupri e la legislazione tedesca non punisce severamente un reato sessuale che sia meno grave rispetto allo stupro. Si potrebbe configurare il reato di lesioni che è molto difficile da perseguire. Ci sono movimenti femministi che chiedono di inasprire questo aspetto della legge”.

Fonte: Radio Cusano Campus