9 dicembre 2016

Riforme costituzionali; Grandi ,Pres. Comitato No: “Abolire il Senato è una questione di stupidità non di rapidità”

Aula del Senato della Repubblica Italiana, Palazzo Madama, Roma

Alfiero Grandi (Sinistra Democratica), Presidente Comitato del no al referendum sulla riforma costituzionale, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

“Non parlerei di riforme –ha affermato Grandi-. Riforma ha un significato tendenzialmente positivo, è qualcosa che cambia in meglio. Io non riesco a capire cosa ci sia di meglio in queste modifiche costituzionali. Faccio un esempio. L’Italia potrebbe essere chiamata a decidere se entrare in guerra o meno e per questa decisione  fino a oggi serviva il parere dei due rami del parlamento. Con questo stravolgimento costituzionale e questa nuova legge elettorale noi avremmo una situazione in cui vota solo la Camera. E alla Camera c’è la maggioranza assoluta del partito che vince le elezioni. Nella mente renziana si pensa di essere eterni e vincitori, quindi pensano che vinceranno loro le prossime elezioni. Con una Camera sostanzialmente subalterna al governo, di fatto è il governo che conduce il parlamento. Quindi in questo caso, il Presidente del Consiglio deciderebbe sull’ingresso dell’Italia in guerra. A me sembra una cosa inacettabile”.

“Uno dei passaggi di queste schiforme costituzionali –ha aggiunto Grandi- prevede che i senatori diventino dei fantasmi eletti dai consigli regionali, però poi si dice che sono scelti dai cittadini. E qui c’è confusione, non si capisce chi li elegge. Noi abbiamo chiesto dall’inizio una norma semplice: i cittadini eleggono tutti i deputati e tutti i senatori. Invece qui si è fatto un pasticcio. Gli studenti che dovessero fare una tesi di diritto costituzionale di questo tipo verrebbero bocciati con ignominia. L’Italia non è una Repubblica presidenziale ma è una Repubblica parlamentare e i Padri costituenti lo hanno stabilito perché uscivano dalla dittatura fascista. E’ sbagliato il presidenzialismo, che non ha risolto nulla”.

“I referendum sono sempre abrogativi –ha affermato Grandi- quindi è inevitabile che sia una battaglia concentrata su quello che non va. Sulle cose che vanno bene avremmo potuto aprire una discussione, ma il governo non ha voluto ascoltare proposte che sono venute fuori che potevano correggere i punti deboli della legge. La velocità non è sinonimo di efficienza. E’ una questione di stupidità non di rapidità. Il governo di solito fa un provvedimento discutibile, si accorge di aver fatto qualcosa che non va, lo porta al Senato per correggerlo e poi lo fa approvare alla Camera. Se si abolisce il Senato, l’errore diventa legge. Avere due camere di per sé non è un allungamento dei tempi. Questo governo non ascolta, non discute, non ragiona, cerca di imporre la sua volontà, questo non va bene. Ci saranno anche i referendum sul lavoro e sulla scuola. Il governo sta cambiando in peggio questo Paese, è riuscito a fare peggio di quello che c’era prima”.

Fonte: Radio Cusano Campus