3 dicembre 2016

Calcio – I° Categoria, Nuova Virtus, Fortini: “Siamo arrabbiati, ad Ardea per il riscatto”

Il pazzesco successo (per 3-2) di Pomezia e poi l’incredibile sconfitta casalinga di domenica scorsa per 2-1 contro la Nuova Castelli Romani. E’ un inizio dell’anno controverso quello della Nuova Virtus che avrebbe potuto spiccare il volo con il successo nel match di domenica scorsa e che invece è rimasta ancorata a 17 punti, una quota che al momento vale il nono posto nel girone F di Prima categoria. «Quella con la Nuova Castelli Romani è stata una gara stradominata – dice il difensore esterno destro Matteo Fortini -, ma abbiamo commesso tanti errori sotto porta e gli avversari con un solo tiro hanno segnato due volte. Nel primo tempo siamo andati pure in vantaggio con la rete di Squillace, ma poco prima dell’intervallo a pareggiare i conti è stato il nostro ex compagno di squadra Colli. Nella ripresa abbiamo commesso un altro errore per il gol del 2-1 della Nuova Castelli Romani e altri ne abbiamo collezionati in fase offensiva. Risulta difficile parlare di una sconfitta al termine di una partita così, ma anche questo è il calcio e dobbiamo prendercela soprattutto con noi stessi anche perché la differenza tra le due squadre era abbastanza evidente». Nel prossimo turno la Nuova Virtus farà visita all’Airone Ardea che in questo momento occupa il penultimo posto con 11 punti, gli stessi della Nuova Castelli Romani prima del match di domenica a Santa Maria delle Mole… «Inutile stare a guardare la classifica degli avversari e fare considerazioni su quello, veniamo da una sconfitta cocente e non possiamo permetterci altri passi falsi. La squadra è arrabbiata per il k.o. di domenica scorsa e ha tanta voglia di riscattarsi. Attraverso la finestra di mercato di dicembre – spiega il classe 1993 Fortini – la società ha portato in questo gruppo dei buoni elementi che hanno contribuito ad alzare la qualità media dell’organico. Ma dobbiamo essere più concreti e determinati se non vogliamo perdere per strada altri punti».