5 dicembre 2016

Le droghe da stupro: un convegno per conoscere il fenomeno.

Si è tenuto a Roma presso la Camera dei Deputati,questa settimana, l’undici gennaio, un convegno dal titolo ‘Droghe da stupro e nuove sostanze psicoattive’, Ogni giorno assistiamo quasi impotenti ai numerosi femminicidi. Accanto a questi notiamo che le modalità si stanno sempre più affinando anche attraverso l’uso di droghe . Le droghe da stupro hanno una matrice culturale nei college americani degli anni 70. Sono sostanze psicoattive create ad hoc in laboratorio o a casa. Per facilitare lo stupro possono avere effetti sedativi, dissociativi, ipnotici e/o causare l’amnesia (in casi estremi anche la MORTE!!!) e possiedono la caratteristica di poter essere somministrate alla vittima, assieme a cibo o bevande, senza che questa se ne renda conto. Nei paesi anglosassoni l’atto di aggiungere tali sostanze alle bevande è noto come “drink spiking” ed è considerato reato, anche se non seguito da una aggressione od altro tipo di violenza. Parlare di tali fenomeni è necessario per un capillare intervento di prevenzione.   

Al convegno sono giunti per i saluti come autorità, la Senatrice Laura Puppato e Margherita Dini Ciacci Presidente Unicef Campania; i relatori che hanno offerto interventi di spessore: Monica Capizzano-Criminologa; Virginia Ciaravolo – Psicocriminologa; Mara Cesarano -Avvocato, Leo Beneduci-Segretario Generale OSAPP; ha moderato Valentina Grassi – Sociologa Università Parthenope. Il convegno è stato organizzato dall’associazione capitolina ‘Mai più violenza infinita’ che interviene sulla violenza di genere e in genere su tutto il territorio italiano collaborando con paesi esteri. Istituzioni, professionisti del settore e le vittime si uniscono e condividono risorse e percorsi. MPVI individua priorità e strategie per indirizzare e promuovere studi sulla ricerca delle cause della violenza, per giungere alla risoluzione del triste fenomeno.
L’obiettivo principale è quello di fare rete con tutti coloro interessati per eliminare e prevenire i prodomi della violenza, affinchè si arrivi ad una realta’ dove non ci siano soggetti vessati, usati, discriminati, ma individui con gli stessi diritti ed opportunità.

Per comprendere meglio specifici significati, è stata intervistata la Dottoressa Virginia Ciaravolo, Psicocriminologa, Presidente dell’Associazione Mai Più Violenza Infinita.                                                                                                                                  Sul fenomeno delle droghe da stupro sono presenti dati, informazioni statistiche? Una statistica delle vittime da droghe da stupro a tutt’oggi e’ quasi impossibile, poiche’ molti sono i fattori psicologici e non che entrano in gioco riguardo questo aberrante fenomeno. Intanto cominciamo a sfatare alcuni miti. Possono essere soggetti a stupro nell’arco della loro vita : uomini, donne, bambini. Senza alcuna differenziazione di etnia, religione, ceto sociale o cultura. Il problema basilare di fondo del perche’ c’e’ poca inclinazione a denunciare questi fatti deriva dalla confusione post violenza, dal timore di giudizio esterno, dal pudore di mettere in piazza un privato che riguarda la propria intimita’ violata.                                                                         Quali strategie si possono attuare per arginare il problema? La strategia per eccellenza passa attraverso la prevenzione che si attua in un processo di informazione a tappeto, cosi’ come facciamo noi, attraverso convegni, seminari, andando nelle scuole e nei luoghi dove sovente avvengono le violenze : le discoteche. quindi un processo di sensibilizzazione che si occupi e preoccupi di tutte quelle figure a contatto con gli adolescenti, le figure che possono essere maggiormente colpite.               Qual’è il ruolo delle famiglie per proteggere le potenziali vittime?Il ruolo delle famiglie e’ di fondamentale importanza, partecipare e aggiornarsi su queste sostanze che vengono liberamente vendute su internet o nei sex shop, favorisce la conoscenza dei gravi effetti che possono avere sull’organismo, di conseguenza portarli poi a conoscenza dei ragazzi che spesso agiscono per imitazione senza aver cognizione di causa, di andare in contro, nei casi estremi, anche alla morte.