3 dicembre 2016

Dakar Rally 2016 – Giorno dieci, Tappa 8: la MINI ALL4 Racing conquista la vittoria

Giorno 10: con grande determinazione ed abilità Nasser Al-Attiyah (QAT) ed il navigatore Mathieu Baumel (FRA) hanno conquistato la vittoria tra le sabbie e le pietre della Prova Speciale numero otto. L’equipaggio del AXION X-raid Team, sulla vettura numero 300, si è insediato al comando già al waypoint numero uno, mantenendo la testa fino al waypoint otto.

Al waypoint nove sono stati costretti a cedere il comando delle operazioni, ma spingendo a tutta Nasser è riuscito a tagliare per primo il traguardo, con un vantaggio di dodici secondi sulla vettura seconda classificata. In classifica generale Nasser è ora terzo, avendo ridotto il distacco dal leader, Peterhansel, a 14’43”.

“E’ bello aver vinto la prima tappa dopo il giorno di riposo” ha dichiarato Al-Attiyah. “Abbiamo messo pressione agli avversari, e l’obiettivo, per i prossimi due o tre giorni, è mettergliene ancora di più, e vincere la Dakar. E’ per questo che siamo qui. Oggi, ci siamo portati in vantaggio fin dalle prime battute, ed abbiamo spinto tantissimo. L’ultima parte non è stata facile; nondimeno, abbiamo conquistato il successo. Domani saremo i primi a scendere sul tracciato, ed insisteremo nello spingere con tutta la determinazione possibile”.

Si è trattato della prima tappa nel deserto, per la edizione 2016, ed ha prodotto una grande giornata di gara. Non soltanto perché la guida sulla sabbia richiede grande abilità ai piloti, ma anche perché i navigatori delle MINI ALL4 Racing hanno dovuto impegnarsi a fondo per fornire indicazioni di rotta precise quanto mai.

Mikko Hirvonen (FIN) ha affrontato il deserto della Dakar per la prima volta e, potendo contare su un navigatore esperto come Michel Périn (FRA), al termine della prova è riuscito a portare la propria AXION X-raid Team MINI ALL4 Racing (n°315) ad un bel quinto posto.

Hirvonen: “Non mi sono sembrate dune vere e proprie, ma piuttosto una sorta di fesh-fesh e terreno fuoristrada. Mi ci sono divertito. Abbastanza simile ad una classica gara fuoristrada. Per il resto, non troppo male, dopotutto. E noi siamo OK”.

La tappa numero otto ha sottolineato il grande stato di forma di Joan ‘Nani’ Roma / Alex Haro, del AXION X-raid Team. Sono entrati in gioco in grande stile, conquistando, con la MINI ALL4 Racing n°304, la sesta piazza sul traguardo di giornata. Il risultato fa della loro MINI ALL4 Racing la terza capace di inserirsi tra i migliori dieci della classifica generale.

Roma: “La mattina non si è sviluppata male, ma ad un certo punto il differenziale centrale si è bloccato. Ho cercato di sbloccarlo, ma non è stato possibile. Allora mi sono detto: via così. Nei rettilinei la cosa non ci ha procurato problemi, ma nelle parti più sinuose non è stato sempre facile viaggiare al massimo. A poca distanza dal traguardo abbiamo subito una foratura lenta, ma ce l’abbiamo fatta. Alex ha compiuto un lavoro eccellente, con la navigazione”.

Orlando Terranova (ARG) ed il navigatore Bernardo ‘Ronnie’ Graue (ARG) hanno continuato a tutta forza nella loro MINI ALL4 Racing (n°310) del AXION X-raid Team, conquistando il settimo posto, appena 1’28” alle spalle dei compagni di colori Roma ed Haro”.

“Bella tappa” ha commentato Terranova. “All’inizio eravamo più o meno al diciassettesimo posto, e nel primo settore sorpassare è stata cosa ardua. Abbiamo raggiunto diversi avversari, ma poi abbiamo perso diversi minuti. Domani la posizione di partenza sarà buona, per noi, e questo va molto bene”.

La coppia olandese composta da Erik van Loon ed Wouter Rosegaar, sulla Van Loon Racing n°306, ha continuato con la solita costanza di rendimento concludendo la giornata in decima posizione e mantenendo così l’undicesimo posto in classifica generale.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.