4 dicembre 2016

Caso Quarto, Di Pietro: “Se c’è una mela marcia nella cesta si butta via la mela non la cesta”

Antonio Di Pietro è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alla vicenda del Comune di Quarto. “Se c’è una persona che può comprendere il dramma del M5S quello sono io, perché l’ho vissuto anche io nel mio partito che poi ho dovuto lasciare –ha affermato Di Pietro-. Se potessimo sapere prima chi sono esattamente le persone che abbiamo di fronte, nessuno le candiderebbe. Mi pare che in Italia tutti i partiti che stanno criticando il M5S hanno degli scheletri dell’armadio che fanno spavento. Se all’interno ti si infila il verme, tu puoi solo trovarlo e buttarlo fuori. In un partito appena nato è chiaro che può capitare che qualcuno non faccia il suo dovere. L’importante è allontanarlo subito. C’è un solo modo per non sbagliare mai, non provarci mai. In tutti i cesti puoi trovare la mela marcia, ma non butti via la cesta, butti la mela. Quest’idea di spezzettare il comportamento del sindaco per andare a vedere se ha sbagliato da qualche parte mi sembra una scusa per criminalizzare una persona che è vittima. A Grillo voglio bene da cittadino per averci messo la faccia e pagarne le conseguenze, ma sono dell’idea che la Capuozzo è una signora con le palle e fa bene a resisere”.

Sulle riforme del governo. “Io mi oppongo alle riforme costituzionali di Renzi –ha affermato Di Pietro- Al referendum bisogna andarci per evitare che si verifichi un ritorno alla dittatura. Renzi, invece di occuparsi dei problemi dei cittadini, si preoccupa della riforma costituzionale che serve solo a rendere meno democratico questo Paese. Non ci sarà più quella divisione dei poteri che c’era prima tra Camera e Senato”.

Fonte: Radio Cusano Campus