5 dicembre 2016

Pomezia – Un accordo importante per l’assistenza e l’inclusione sociale

 

Dopo un confronto lungo e costruttivo nel quale si è condiviso che il ruolo dell’intervento pubblico è fondamentale nella elaborazione, programmazione e gestione diretta dei servizi connessi al welfare, nella concezione che tali servizi sono un bene comune da preservare dalle logiche di mercato, si è raggiunto un accordo importante tra il Presidente dell’azienda socio sanitaria e la FP CGIL Roma sud Pomezia castelli.

Un accordo che allarga i diritti coniugando la qualità del lavoro con l’ambizione di migliorare i servizi erogati ai cittadini pometini.

Si tratta di un accordo articolato suddiviso in 11 punti che spaziano dal modello aziendale al miglioramento delle condizioni di lavoro.

Per sintesi, il modello dell’azienda sarà di tipo partecipato, cioè si adotterà un sistema stabile di coinvolgimento delle lavoratrici e dei lavoratori nei processi di monitoraggio e di miglioramento delle condizioni e dell’organizzazione del lavoro al fine di innescare un meccanismo virtuoso in grado di ottimizzare le prestazioni.

Si prevede ulteriore buona occupazione, oltre le 9 educatrici assunte per l’apertura del nuovo nido si prevede un incremento occupazionale non inferiore al 10%.

L’adozione di un unico CCNL, migliora la condizione retributiva e dei diritti di circa 30 lavoratrici.

Una politica del personale incentivante per promuovere la produttività e l’efficienza nonchè a penalizzare l’assenteismo attraverso l’istituzione di uno specifico ulteriore fondo da contrattare annualmente. Inoltre alle lavoratrici ed ai lavoratori impegnati nell’assistenza domiciliare un’indennità specifica per la peculiarità del servizio prestato.

Una specifica programmazione formativa al fine di una crescita professionale e la supervisione ed un sostegno psicologico per gli operatori.

La possibilità di ricorrere alla mobilità interna in caso di invalidità, non idoneità o segnalazioni del supervisore psicologico.

L’adozione della carta dei servizi.

Infine integrazioni migliorative del CCNL UNEBA adottato dall’azienda quali:

  • Diritto allo studio
  • Permessi parentali
  • Periodo di comporto in caso di malattia
  • Permessi retribuiti

La FP CGIL esprime soddisfazione per il metodo e per il merito dell’accordo, la scelta dell’amministrazione comunale di perseguire la strada del confronto sulle modalità di fruizione delle politiche sociali è il modo giusto per prevenire conflitti e contenziosi, riconoscendo la mediazione sociale ed i corpi intermedi quali strumenti indispensabili per gestire le società complesse e per avvicinare i cittadini alle istituzioni.

Infine un apprezzamento per l’amministratore dell’Azienda dottor Ramella pensiamo che abbia iniziato il proprio mandato nel modo giusto: partecipazione e condivisione, se manterrà questo metodo troverà sempre la FP CGIL pronta a dare il proprio contributo propositivo.