10 dicembre 2016

Dakar Rally 2016 – Nona giornata, giorno di riposo: la prima settimana della Dakar passa in archivio

Giornata nove (giorno di riposo). Ventiquattro ore di riposo, per il Circus della Dakar, accampato a Salta, in Argentina. Per piloti e navigatori, qualunque sia la Casa ed il Team che rappresentano, è l’occasione per recuperare un po’ del sonno perduto, rilassare i muscoli (e, se serve, provvedere a ripararne danni) affidandosi alle cure dei fisioterapisti. E’ inoltre un momento di confronto, per loro, con i tecnici ed i leader delle squadre per esaminare ciò che riguarda la
competizione.

E’ anche il giorno equidistante tra il primo e l’ultimo del più famoso cross-country rally. A questo punto del rally, gli equipaggi delle MINI ALL4 Racing avrebbero dovuto percorrere già 5316 chilometri, in gara, ma la cancellazione della prima tappa e la leggera riduzione della distanza di una delle speciali, causa il maltempo, ha diminuito la distanza complessiva.

Comunque, l’incidenza di ciò sugli equipaggi non è stata particolarmente importante: il Dakar Rally è, tra tutte le prove in calendario, quella che concede meno; nessun’altra fa sentire allo stesso modo i propri effetti su châssis, pneumatici, sospensioni ed equipaggi. Durante il giorno di riposo, i tecnici di supporto di X-raid sono stati indaffarati nel preparare tutte le MINI ALL4 Racing per una seconda settimana che si preannuncia anche più dura della prima.

I piloti delle MINI ALL4 Racing hanno parlato di come è andato finora il Dakar Rally, e di che cosa ci si possa aspettare nella seconda settimana di gara.

Nasser Al-Attiyah (QAT) ed il navigatore Mathieu Baumel (FRA) sono ancora l’equipaggio leader tra le MINI ALL4 Racing, con la loro MINI ALL4 Racing (n°300) del AXION X-raid Team. In coppia, hanno vinto l’edizione 2015 della Dakar. Il mondo li osserva, per vedere se saranno in grado di difendere il titolo, ripetendosi quest’anno. Nessuno può essere sicuro di nulla, soprattutto mentre ci si prepara ad affrontare le sfide della seconda settimana, quando sabbia e dune potrebbero sovvertire ogni cosa. Nasser lo sa meglio della maggioranza degli altri…

Nasser: “Il tracciato è sempre lo stesso, ma la competizione è aumentata e c’è chi ha fatto meglio. Non possiamo dire che il percorso non sia buono, ma la prima settimana è conclusa; vediamo cosa potremo fare nella seconda”.

Mikko Hirvonen (FIN), già professionista WRC, è entrato a far parte della famiglia MINI ALL4 Racing, che già accoglieva l’esperto Nasser, solo negli ultimi mesi del 2015. L’edizione 2016 del Dakar Rally rappresenta pertanto la sua prima
esperienza; stando così le cose, ha fatto tesoro di qualche particolare consiglio?

Hirvonen: “la nostra posizione non è malvagia. Sono felice di essere quinto al termine della prima settimana – siamo un pochettino indietro, e dobbiamo ancora lottare per guadagnare qualche posizione, ma abbiamo una intera settimana davanti a noi, e tante cose possono accadere. Ho ricevuto consigli dagli altri piloti delle MINI ALL4 Racing quando abbiamo effettuato i test. Ho parlato con Nasser e Nani; mi hanno fornito indicazioni. Non tanto a proposito della guida, quanto su cosa mi dovevo aspettare. Venendo dal WRC, mi aspettavo che si andasse a tavoletta dovunque possibile. I ragazzi, invece, mi hanno spiegato che non si può, visto che non si sa cosa c’è in agguato. Insomma, sì: mi hanno aiutato in diversi modi”.

Joan ‘Nani’ Roma è un autentico veterano della Dakar. Il pilota del AXION X-raid Team non ha iniziato l’edizione 2016 nel miglior modo possibile, ma grazie alla propria conoscenza ed abilità ha recuperato molte, molte posizioni. Cosa ne pensa della Dakar 2016, fino ad oggi?

Roma: “Sono contento di essere a Salta per il giorno di riposo; mi auguro che la prossima settimana sia quella delle MINI… ed anche la mia! Quest’anno è piovuto davvero da matti, sulla Dakar, e le condizioni si sono rivelate strane – strane per me e per tutti!”

Il britannico Harry Hunt è esattamente al polo opposto: per lui, si tratta della prima Dakar. Ha comunque dato tutto se stesso, ottenendo ad oggi un eccezionale tredicesimo posto in classifica generale.

“Le giornate sono state molto più piovose e meno calde di quanto mi aspettassi” ha affermato Hunt. “Per quello che riguarda le distanze e le condizioni di guida è stato invece come mi attendevo: difficili, mentre commettere errori era facile. Difficile anche spingere a fondo. Siamo appena a metà strada, eppure mi sembra di aver guidato per settimane e settimane. Non penso che avrei dovuto prepararmi in modo diverso da come ho fatto, a parte forse insistere un po’ meno sull’allenamento al caldo, considerando che c’è stato – l’ultima tappa, per esempio – anche piuttosto freddo. Però penso che la prossima settimana, in Argentina, sarà più caldo. Credo, insomma, di essermi preparato bene e correttamente. Non ho di che lamentarmi: sono contento”.

Jakub ‘Kuba’ Przygonski (POL) possiede già esperienza della Dakar, ma come pilota di moto. Il 2016 rappresenta invece il suo debutto su quattro ruote, al volante di una MINI ALL4 Racing del ORLEN Team.

Przygonski: “Si è trattato, per noi, di una prima settimana veramente buona, e sono contento di trovarmi qui, a Salta, per la giornata di riposo. Fino a questo momento la vettura si è rivelata perfetta. Un paio di piccoli problemi sul percorso, ma qui si tratta della Dakar, e piccoli problemi ci sono sempre. La prossima settimana ci aspetta la sabbia; forse, le dune. Le dune mi spaventano un po’, perché mi manca esperienza specifica, ma vedremo che succederà”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.