8 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Sarri: “Prova di maturità, ma la classifica ora conta poco”

Il tecnico azzurro: sono soddisfatto della prestazione e dell’applicazione, però siamo appena a metà stagione

“E’ stata una prova di maturità importante, ma per il resto la classifica oggi conta poco perchè siamo appena a metà campionato”. Maurizio Sarri soddisfatto, emozionato ma anche molto realista. Nel giorno del suo compleanno il Napoli chiude davanti a tutti il girone di andata, però il tecnico analizza la gara senza andare oltre con lo sguardo con molta razionalità:

“Fa piacere, è una bella soddisfazione anche per i tifosi, ma finisce lì. Il campionato d’inverno non esiste e devo aggiungere che l’ultima volta che siamo stati primi quest’anno, poi abbiamo fallito la gara successiva. Questo primato va preso solo per le statistiche, per il resto non fa testo. Stiamo facendo bene, ma un conto è esprimersi al top per 19 giornate, un’altra è farlo per 38. Non ho mai visto qualcuno vincere una maratona dopo metà percorso”.

“Questa era una partita che nascondeva tante difficoltà e noi con l’approccio molto forte le abbiamo superate sin dall’inizio. Abbiamo fatto girare la palla con grande velocità mostrando anche l’aggressività giusta. Questo è l’atteggiamento che mi piace e che cerchiamo di mettere sempre in campo. Quando nel giorno della gara si riesce a riproporre ciò che si fa in allenamento, è sempre una grande soddisfazione perchè alla lunga i risultati arrivano”

Quando è arrivato questa estate a Napoli ci pensava a poter chiudere primo il girone di andata?

“Io faccio il lavoro che mi piace, poterlo fare a Napoli per me è speciale. All’inizio della stagione non pensavo alla classifica ma solo a poterci arrivare al termine del girone d’andata come allenatore del Napoli, visto lo scetticismo che ha sempre accompagnato la mia carriera. Ma ero sereno così come lo sono ora e voglio solo pensare alla prossima partita”.

Napoli che sta cominciando a far ruoatre anche alcuni uomini:

“Ho messo dentro due calciatori che avevo lasciato fuori mercoledì, quali Allan e Jorginho, e sono molto soddisfatto della gara di Strinic che ha mostrato grande applicazione. Poi ho dato spazio anche a Gabbiadini per dargli un segnale forte di quanto io punti su di lui nel prosieguo della stagione, Manolo oggi ha dimostrato quanto può essere importante per la nostra squadra”.

Fonte: sscnapoli.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.