8 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Mihajlovic: “Meritavamo di più”

MISTER MIHAJLOVIC

“I veri uomini quando cadono si rialzono sempre, abbiamo finito la partita a testa alta e in piedi. Nel secondo tempo abbiamo dominato e cercato di vincere fino all’ultimo, purtroppo non siamo stati fortunati, la squadra ha fatto bene e ha dimostrato di essere un gruppo unito e compatto. Sicuramente meritavamo di più, ma non è la prima volta che succede, in questo momento potevamo avere 6/7 punti in più ma il Campionato è ancora lungo. L’importante è non perdere fiducia. Il Carpi sicuramente verrà e si chiuderà e non dovremo rifare gli stessi errori visti contro il Bologna, se giochiamo come sappiamo la vinciamo, quindi dipende solo da noi.”

JURAJ KUCKA

“Manca sempre un pezzo della partita dove non siamo abbastanza aggressivi e compatti. Dopo la prima parte abbiamo dominato e dimostrato che sappiamo giocare. E’ un punto guadagnato, ma anche due persi. Ho sbagliato anch’io un gol, poi abbiamo avuto altre occasioni, dispiace, ma è anche un buon punto. Sono molto contento per il gol. Faccio sempre quello che so fare, cerco di afre il massimo e giocare facile, facendo quello che so meglio. Domani mattina c’è l’allenamento e ci prepariamo per la prossima partita che è importante.”

CRISTIAN ZAPATA

“Abbiamo fatto i primi minuti male, ma dopo ci siamo ripresi e abbiamo giocato bene. Abbiamo avuto l’occasione per vincere la partita, è un peccato non esserci riusciti ma si sono viste buone cose. Sicuramente abbiamo avuto un po’ di difficoltà iniziali con Romagnoli ma poi ci siamo parlati, ci siamo detti di stare tranquilli, era da un po’ che non giocavo e non era facile ma sono contento della mia prestazione. Penso che abbiamo la possibilità di poter andare in Finale di Coppa Italia, che è una porta diretta per andare in Europa League, quindi dobbiamo concentrare le forze e vincere.”

KEVIN PRINCE BOATENG

“Sono contento di essere tornato, dopo tanto tempo che non giocavo, anche la squadra ha fatto una bella gara. Dopo uno svantaggio non è facile recuperare qui a Roma, ma alla fine sono due punti persi qui a Roma per quello che abbiamo fatto. A parte i primi dieci minuti abbiamo fatto una bella gara. Dobbiamo lottare e adesso testa a mercoledì per una gara importante. Possiamo migliorare ogni giorno. Io posso migliorare e crescere ancora tanto perché non sono ancora al 100%. Voglio arrivarci, lavorare e far vedere che voglio stare nella squadra e vincere. Contro il Carpi è una partita che dobbiamo e vogliamo vincere.”

MISTER MIHAJLOVIC IN CONFERENZA

“Gli uomini veri quando cadono si rialzano sempre. Questa sera abbiamo finito la partita in piedi a testa alta, a parte i primi 10 minuti dove dobbiamo ringraziare Donnarumma, nel primo tempo abbiamo preso le misure e nel secondo abbiamo dominato. Nelle ultime due partite meritavamo 6 punti e ne abbiamo fatto uno. I ragazzi hanno dimostrato di essere un gruppo unito e compatto che merita fiducia. Se giochiamo come fatto anche oggi ci girerà bene. Abbiamo fiducia in noi stessi e nel nostro lavoro. Nei primi 10 minuti abbiamo sofferto e subito subito un gol. Romagnoli non ha iniziato bene, poi si è ripreso e abbiamo fatto bene. Bisogna ricordare che è un ragazzo di vent’anni e non è sempre facile. Dovevamo tenere il risultato perché sapevamo che si sarebbero allungati nel secondo tempo e così e stato e per poco vincevamo. Sono stato espulso per aver calciato una bottiglietta, non potevo certo sfogarmi recitando una poesia. Non era rivolto all’arbitro, ma semplicemente perché la bottiglietta si trovava la. L’ambiente a Roma è più difficile che a Milano. Per i giocatori non è facile quando sentono i tifosi fischiare. Ma se fischiano ci sarà un motivo e l’unico modo per far smettere i fischi è giocare e vincere. Sta a noi trasformare i fischi in applausi. I miei rapporti con Totti sono sempre stati buoni. Ho avuto un po’ di paura quando è entrato perché la classe non ha età. Sono contento che sia tornato. Boateng oggi è entrato bene ed ha dimostrato quello che sapevamo. Per sei mesi non ha saltato un allenamento e si è meritato la conferma. Ha dimostrato di essere un giocatore di carattere, personalità, forza e tecnica, può ricoprire tutti e quattro i ruoli dell’attacco e spero che continui così. Se guardo tutte le partite fatte, quanto creato e quanto sbagliato, ci mancano almeno 6 o 7 punti. Al completo possiamo lottare per uno dei primi tre posti, ma finora non siamo mai stati al completo e non siamo stati molto fortunati, creando bene, ma realizzando poco. Quando vedo una squadra che crea sono ottimista perché così arriveranno anche momenti migliori. Adesso guardiamo partita per partita, ne mancano 19 e c’è ancora tempo per recuperare.”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.