6 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Garcia: “Non abbiamo avuto continuità”

Per Rudi Garcia alla Roma è mancata la continuità per andare oltre il pari con il Milan.

Il tecnico francese ha infatti affermato come la prova della sua squadra sia stata a due volti, positiva nel primo tempo e negativa nel secondo, sottolineando il suo rammarico per le occasioni mancate ad inizio gara.

“Nel primo tempo meritavamo di vincere e nel secondo di perdere: vuol dire che non abbiamo avuto continuità” ha esordito Garcia. “Peccato perché la squadra ha iniziato benissimo la partita. Oltre al gol ci sono state le due occasioni con Sadiq e con il colpo di testa di Rudiger sul palo. Un peccato non averle concretizzate. Poi nel secondo tempo abbiamo dimenticato il nostro gioco”.

Le proteste del pubblico?

“Dopo il nostro secondo tempo è normale che i tifosi non siano usciti contenti dallo stadio. Nemmeno io lo sono: ho detto ai ragazzi che possiamo e dobbiamo fare molto meglio: ripeto, serve continuità, perché senza questa caratteristica una gara non si vince e questa sera lo abbiamo visto”.

Quale è la ricetta per curare questa Roma a due facce?

“Possiamo solo lavorare, farci le giuste domande per migliorare. Siamo solo alla metà del campionato e non c’è niente di perso, ma quando ci sono le occasioni come questa sera per accorciare sulle prime in classifica dobbiamo sfruttarle. L’inizio della gara sembrava che questa possibilità ci fosse, al secondo tempo si è spenta la luce e questa cosa non va per una squadra come la Roma”.

Il problema è psicologico e fisco?

“C’è da farsi tutte le domande, ripeto, dal punto di vista tattico, fisico e tecnico. Ovviamente non va bene quando siamo avanti con il risultato di abbassarsi troppo e questo è un problema tattico. Poi non va bene vedere che i giocatori sul piano fisico non stanno bene durante la partita: c’è stata anche la sosta e pure il Milan ha giocato tre giorni fa. Per andar bene tecnicamente i calciatori devono stare bene fisicamente, ma da questo punto di vista date le qualità di certi di giocatori mi aspetto qualcosa in più”.

Psicologicamente come si può agire?

“Ora dobbiamo creare una bolla attorno a noi, dobbiamo aiutarci da soli e questa è la cosa più importante. Finché non stiamo in campo con più personalità avremo delle difficoltà a fare una striscia di vittorie importante. Questo capita quando non si gioca con la fiducia necessaria e con un po’ di paura: non va bene così. Oggi avevamo l’opportunità di accorciare sulle prime quattro in classifica ma abbiamo sbagliato: faremo di tutto con lo staff per capire cosa non va: analizzeremo questa partita e poi parleremo con i ragazzi per capire cosa è successo con questo secondo tempo”.

Quando rientrerà Dzeko, Sadiq andrà in panchina?

“L’importante è che possa tornare tutta la rosa, lo abbiamo visto nel primo tempo: con più giocatori abbiamo più qualità. Edin tornerà e oggi abbiamo rivisto in campo il Capitano: anche lui ha bisogno di ritrovare il 100% della condizione e quando ci sarà anche Strootman saremo più forti. Sadiq? Sono contentissimo di lui. Peccato per il mancato gol nel primi minuti, ma è un giovane e sta aiutando la squadra”.

Si sente in discussione?

“Questa è l’ultima preoccupazione che ho. Adesso mi importa solo capire come migliorare questa squadra: dobbiamo giocare come abbiamo fatto il primo tempo, e anche meglio, e non ripetere più la seconda frazione di oggi”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.