8 dicembre 2016

TBC al Gemelli: 188 famiglie scrivono a Papa Francesco

18/09/2013 Città del Vaticano, piazza San Pietro, udienza generale del mercoledì , nella foto papa Francesco

Molti illustri avvocati in difesa dei numerosi medici e dirigenti del Gemelli – e che in altro procedimento, limitato alle carenze dell’ospedale, sono già stati rinviati a giudizio – sono sfilati oggi davanti al Gip Elisabetta Pierazzi in questo secondo processo, indagati per lesioni colpose, epidemia e altri reati.
E tra citazioni in latino e una accusa al Codacons di aver gonfiato la vicenda mediaticamente per “bulimia di denunce” , dopo che il Giudice ha negato il diritto dei legali dei bambini di replicare ad assurde quanto ingiuriose accuse “perché il codice di procedura penale non consente le repliche”, i numerosi avvocati degli indagati si sono affannati a dimostrare che la malattia esplosa virulenta nella bambina Verrengia e in 5 altri infermieri del reparto, e le pesantissime profilassi antibiotiche cui hanno sottoposto 188 bambini neonati con siringhe, prelievi traumatici e raggi gamma, e pesanti effetti collaterali come disturbo della crescita e anemia grave, sono state solo frutto del caso, e non di quelle stesse incurie e omissioni per le quali i dirigenti del Gemelli sono già sotto processo in altra aula dello stesso Tribunale.
Le famiglie intanto – che ora attendono con fiducia e speranza la decisione del GIP Pierazzi – hanno sdegnosamente rifiutato 10.000 euro che il nosocomio ha offerto loro come risarcimento. “5 anni vissuti nel terrore e la paura che in qualsiasi momento i nostri figli potrebbero vedere esplodere la malattia – hanno sostenuto i genitori – non vale l’elemosina proposta dall’ospedale. Chiederemo a Papa Francesco in piazza San Pietro che dia a noi almeno quella Giustizia divina che i Tribunali terreni e l’ospedale del Vaticano finora hanno negato”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.