9 dicembre 2016

Di Cola (Segr. Fp-Cgil Roma): “Tronca ci ascolta, Marino era interlocutore sordo.”

Natale Di Cola, segretario Generale della Fp-Cgil Roma e Lazio, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ).

Al termine del vertice con il Commissario straordinario Francesco Paolo Tronca, Di Cola ha affermato che “non c’è la volontà da parte di Tronca di dare gli asili ai privati. Il documento unico di programmazione – ha spiegato Di Cola – è stato presentato come un ventaglio di possibilità, che saranno valutate dalla prossima giunta. Non ci sarà nessuna decisione da parte del Commissario. Questo ce l’ha dato per certo. Stamattina abbiamo approfondito i problemi, stiamo parlando di come aumentare l’offerta. Il Comune sta ragionando su come diminuire le liste d’attesa. E’ un problema lasciato in eredità dalla giunta precedente. I tagli previsti da Marino vanno conciliati con la volontà di aumentare il numero di posti per i bambini. Ci rivedremo martedì per proseguire,  ma c’è stata la disponibilità per lavorare allo scopo di ottenere un triplo risultato:

spendere al meglio i soldi pubblici, stabilizzare il personale precario, immaginare come assumere nuovo personale e trovare tutte le soluzioni per aumentare i posti per i bambini”.

La differenza tra il commissario la e giunta Marino è semplice: – ha spiegato Di Cola – da parte di Tronca ci sono orecchie disposte ad ascoltare. Con Marino ci siamo trovati davanti un interlocutore sordo, che non ascoltava, faceva di testa sua e commetteva errori clamorosi”.

Sul caso degli straordinari dei Vigili urbani.Lavorare di notte e di domenica non è previsto nel contratto nazionale. – ha detto Di Cola – È previsto che il Comune, con risorse aggiuntive, può organizzare i servizi aumentando l’orario di lavoro. È chiaro che se non c’è la disponibilità di queste risorse, questa attività sarà diminuita o in alcuni casi non garantita. Inoltre Comune ha 23mila dipendenti quando ne avrebbe bisogno di 31mila. Sembrerebbe che addirittura il Comune si stia industriando per non pagare neanche le prestazioni già svolte a dicembre. Questo sarebbe davvero grave, l’ennesimo tradimento dopo che nel 2015 i dipendenti del Comune di Roma hanno guadagnato 2500 euro in meno rispetto all’anno scorso. La busta paga del mese di dicembre 2015 è più bassa di quella del mese di dicembre 2008. Stiamo tornando indietro”.

 

Fonte: Radio Cusano Campus