Confartigianato: pagamenti dei debiti Pa a passo di lumaca

Il saldo delle fatture è ancora lontano, i tempi di pagamento sempre lenti. A due anni dall’avvio dell’operazione sblocca-debiti, lo Stato, esattore velocissimo, rimane un pagatore-lumaca nei confronti delle imprese fornitrici di beni e servizi agli Enti pubblici. Oggi sul ‘Corriere della Sera’, Confartigianato torna a denunciare i cronici ritardi della Pa.




Un articolo firmato da Sergio Rizzo dà voce alle analisi condotte dall’Ufficio studi confederale e alla proposta del Presidente Giorgio Merletti: “La soluzione al problema dei debiti della Pa verso le aziende – dice Merletti – è a portata di mano e Confartigianato la indica da tempo: si tratta di consentire la compensazione secca, diretta e universale tra i crediti che gli imprenditori vantano nei confronti della Pubblica amministrazione con le imposte e i contributi da pagare al Fisco. Parliamo di una somma di 25 miliardi che equivale ai versamenti allo Stato effettuati in un anno dalle imprese fornitrici di beni e servizi alla Pa e che rappresenta oltre un terzo dei 71,6 miliardi di euro a cui ammonta il debito della P.A. nei confronti delle imprese”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8649 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.