6 dicembre 2016

Civitavecchia – ASL RM F, precisazioni sul decesso al S. Paolo

La Direzione Aziendale, in riferimento alla notizia del decesso nel reparto di Medicina dell’Ospedale San Paolo, pur esprimendo vicinanza ai congiunti della donna deceduta il 4 gennaio precisa che, contrariamente a quanto risulterebbe dall’articolo stesso, alla paziente è stata fornita la massima assistenza durante tutto il decorso del suo ricovero iniziato il 1° gennaio.

Ciò risulta chiaramente dalla lettura degli atti medici e della cartella clinica.

La giovane donna, affetta da una gravissima patologia, non è stata trovata nel bagno priva di vita bensì è stata soccorsa immediatamente dagli infermieri accorsi per il suo malore, mentre era in piedi, ed è stata riaccompagnata al suo letto.

Non è vero che non si sappia chi ha dato l’allarme perché sono stati gli stessi infermieri a chiamare immediatamente il medico che era in reparto, il quale, a sua volta, ha chiesto l’ulteriore intervento dell’anestesista.

Prontamente intervenuto, l’anestesista di guardia ha collaborato alle manovre di rianimazione intensiva già iniziate dal medico del reparto, che si sono protratte per più di 30 minuti nel disperato tentativo di salvare la vita della paziente gravissima.

Purtroppo, la gravità stessa della patologia non è stata compatibile con la vita e non ha consentito la ripresa delle attività respiratorie e cardiache. L’evidenza della patologia documentata con le indagini cliniche eseguite durante il ricovero, non ha reso necessaria l’autopsia che, ai sensi della normativa vigente, può essere richiesta dai medici ospedalieri solo a scopo di chiarimento clinico-diagnostico, essendo di esclusiva competenza dal medico necroscopo e/o dell’autorità giudiziaria la disposizione dell’autopsia ai fini legali.

Appare peraltro strumentale ed inopportuno, in circostanze cosi tristi, integrare notizie (le cui fonti appaiono verosimilmente infondate) con riferimenti ad una presunta carenza di personale che nel caso specifico non risponde assolutamente al vero, in quanto il reparto è con organico completo sia per quanto riguarda i dirigenti medici che per il personale sanitario e parasanitario.

Questa precisazione va letta ai fini di una corretta informazione sullo svolgimento dei fatti, sia nei confronti dei congiunti della giovane donna sia nei riguardi del personale ospedaliero, medico e infermieristico che, contrariamente a quanto emergerebbe dall’articolo, si è impegnato con dedizione alla cura della giovane donna fino all’ultimo.

L’Azienda Sanitaria attende quindi l’esito delle indagini degli inquirenti nonchè quello delle verifiche interne.

About Ruggero Terlizzi 2872 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it