7 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Mancini: “Massima attenzione contro il Sassuolo”

Nella consueta conferenza stampa della vigilia, Roberto Mancini ha risposto alle domande dei giornalisti presenti al centro sportivo “Angelo Moratti”, in vista dell’ultimo match del girone di andata di domani al “Meazza” contro il Sassuolo: “A me gli 1-0 piacciono tantissimo, sarebbe perfetto se vincessimo le prossime 15 partite così. Ci sono tante chiacchiere, ci fa piacere che si parli tanto di noi”.

Con una vittoria arriverebbe la matematica certezza di essere campioni d’inverno: “Sarebbe importante per rimanere in testa e dare continuità alla vittoria di Empoli. In un campionato ci sta di commettere errori e commettere partite, è importante poi sapersi riprendere e infilare una serie di vittorie. Spero la squadra abbia capito che bisogna mantenere la concentrazione e non disperdersi. Empoli, Sassuolo e Atalanta sono tre partite simili, hanno allenatori bravi che preparano bene le partite. A Empoli abbiamo anche sofferto ma sapevamo che sarebbe successo. Servirà la massima attenzione anche contro il Sassuolo”.

“Il Sassuolo gioca forse meglio fuori casa che in casa, non inizia la partita per difendere. Giocano insieme da diverso tempo e in attacco hanno giocatori molto bravi, tutte le volte creano diverse occasioni. Dovremo difendere bene e concedere poco, ed essere bravi a sfruttare le possibilità che avremo”, la lettura del mister.

Il clima in spogliatoio non preoccupa Roberto Mancini, anzi: “In uno spogliatoio ci vogliono ragazzi intelligenti e per bene. Tra loro c’è feeling. In una famiglia può capitare che ci sia disaccordo, a volte capita tra genitori e figli, figuriamoci tra 30 persone di nazionalità diverse. Questa è la miglior squadra che abbia allenato in questo senso, li ho sentiti pochissime volte aver da ridire tra di loro”.

Sui tanti cambi di formazione: “Io cerco di mettere in campo la squadra che mi dia maggiori garanzie. Non c’è mai stata la stessa squadra in campo, ma è vero che a volte magari ci sono stati 10 giocatori della settimana precedente e un solo cambio. Quando faccio la squadra non penso a quella della settimana precedente ma al lavoro in settimana”.

Richiesto di un parere sulle situazioni di Kondogbia, Jovetic e D’Ambrosio, Roberto Mancini si è così espresso: “Geoffrey ha giocato una delle migliori partite a Empoli, è calato un po fisicamente negli ultimi 25 minuti ma penso che sia in una fase molto buona e potrà essere un giocatore importante. Jovetic è stato fuori per una scelta tattica, ha grandi qualità. Danilo sta facendo bene dopo che si è infortunato Santon è stato bravissimo e domenica è stato uno dei migliori in campo. Avrà possibilità di giocare ancora se continua così”.

Il mercato di gennaio potrebbe portare Eder? “Lui è un punto fermo della Sampdoria ed è difficile che lo possano cedere. La Sampdoria chiede Dodò, lui ha bisogno di giocare perché viene da un infortunio. Nessun giocatore è venuto a chiedermi di essere ceduto, al momento non si muove niente. Felipe Melo si sta allenando regolarmente e quando finirà la squalifica rientrerà”.

Come ormai da “tradizione”, infine, ecco cinque nomi tra coloro che scenderanno in campo contro il Sassuolo: “I titolari di domani? Samir, Miranda, Murillo, Medel, Perisic”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.