9 dicembre 2016

Caso Quarto, Dell’Orco, M5S: “La differenza tra noi e i partiti è che noi abbiamo espulso il consigliere prima che fosse indagato”

Michele Dell’Orco, Capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ).

Mentre prosegue l’inchiesta del pm John Henry Woodcock, la pubblicazione di intercettazioni che proverebbero il convergere dei voti della camorra sul Movimento 5 Stelle nel comune flegreo di Quarto, aprono lo scontro tra PD e grillini. Il Pd punta il dito contro la “doppia morale” grillina e invoca “chiarezza” su ipotesi “gravissime, inquietanti. “Dal 14 dicembre –ha affermato Dell’Orco-, ancor prima che partissero le indagini della magistratura, abbiamo espulso quel consigliere oggetto delle indagini. Questo ci differenzia dagli altri partiti, perché noi facciamo pulizia ancor prima che arrivi la magistratura. Vorrei sapere cosa pensano la Serracchiani e Orfini sulla condanna di Ozzimo per Mafia Capitale. Noi ci siamo mossi perché il consigliere aveva già dimostrato di centrare ben poco con il Movimento 5 Stelle, avevamo notato che c’era qualcosa che non andava, ovvio che non ci aspettavamo che arrivasse a tanto. E’ impossibile controllare e prevenire ogni cosa. L’importante è che poi quando vengono fuori queste cose si faccia subito pulizia all’interno. Sicuramente è impossibile evitare qualsiasi tipo di infiltrazione. Un filtro totale non si potrà mai fare, purtroppo la mafia è nel nostro Paese e cerca sempre di infiltrarsi. A differenza dei partiti come Pd e Fi che ci sono andati sempre a braccetto, noi abbiamo maggiori anticorpi. E poi cacciamo queste persone ancora prima che siano indagate. Ovvio che noi valuteremo anche l’eventualità di sciogliere il Comune di Quarto. C’è da dire che i voti di questo consigliere non sono stati determinanti ai fini della vittoria. Le mafie cercano di infiltrarsi con chi vince e a Quarto il cavallo vincente era il M5S. Un motivo in più per avere maggiori anticorpi. Quello che volevano ottenere i clan mafiosi attraverso lo stadio pubblico per darlo ai privati, non sono riusciti ad ottenerlo. Una prova che il nostro sindaco si è comportato in maniera egregia. Grillo tace? Stanno parlando i nostri esponenti nazionali e locali, non ci stiamo tirando indietro. Su migliaia di eletti capita un consigliere indagato, è una percentuale normale statisticamente. Quando ci sono situazioni d’ombra noi espelliamo. Noi continueremo a denunciare quando ci sono condannati in parlamento o addirittura presidenti di regione”.

Fonte: Radio Cusano Campus