9 dicembre 2016

Calcio – Serie A, le dichiarazioni rilasciate da Rudi Garcia in vista di Roma-Milan

Com’è la situazione infortunati?
“Francesco sarà convocato, non è ancora al 100% ma è in grado di essere con il gruppo. Poterlo vedere con noi dopo tre mesi e mezzo è una grandissima notizia. De Rossi? Potrebbe andare bene e valuteremo, mentre la notizia buona è che ho ricevuto il semaforo verde per Salah che non ha lesioni muscolari. Per lui non c’è nessun rischio”.

Cosa succede nei minuti finali? La Roma ha subito 9 gol nell’ultimo quarto d’ora di match…
“Per me sono stati otto e non nove. Ci abbiamo pensato a questa cosa, ma per me le cause non sono sempre le stesse. Proprio per questo, è molto più complicato da risolvere come problema. Una volta è dovuto a un errore individuale, un’altra è perché ci abbassiamo troppo o perché subiamo il fantasma di una partita vecchia e perdiamo la giusta aggressività. Basterà un click in una partita in cui siamo avanti e in cui saremo bravi sul finale a vincere la partita soffrendo. E poi tutto diverrà una vecchia storia. Perché ho detto otto e non nove? Perché quello di Torino non lo conto”.

Sadiq è pronto a giocare nuovamente dall’inizio?
“Come ho già detto, si tratta di un giocatore giovane, che ho chiamato con noi perché ha fatto buone cose in Primavera. Tra il settore giovanile e la Prima Squadra, ovviamente, c’è un mondo in mezzo: il livello è totalmente differente. La cosa bella sua è che le potenzialità mostrate con Alberto De Rossi e con noi in allenamento si rivedono in gara: gioca con entusiasmo, con piacere, gioia e sa lottare. Tutte le cose dell’ambiente circostante non hanno presa su di lui. Questa, ovviamente, è una grande qualità e la buona notizia di questo momento di stagione è il fatto che tutti, me e compagni compresi, sanno che Sadiq ci potrà dare una mano e forse di più”.

Le dà fastidio sentire le voci di un Garcia in bilico in questo periodo?
“Il calcio è così e noi dobbiamo pensare solo alla prossima partita. Dobbiamo stare zitti e lavorare per vincere, come stiamo facendo tutti in questa rosa. Domani serve ritrovare la vittoria. Non dobbiamo parlare di classifica finché non inizia una striscia di vittorie. Non c’è altro da fare, dopo potremo parlare nuovamente di tutto”.

Secondo l’ex allenatore giallorosso Montella la Roma è fuori dalla lotta scudetto perché subisce troppi gol:
“Beh se ne facciamo più di quanto ne prendiamo abbiamo la possibilità di raggiungere posti ancora più alti in classifica. Prima della sosta avevamo una buona base difensiva che ci permetteva di fare solo un gol per vincere. Però se non giochiamo per attaccare non siamo più la Roma. Serve continuare a fare dei gol e se ne prendiamo meno, abbiamo più chances di vincere le partite”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.