6 dicembre 2016

Per una proposta credibile della Sinistra d’alternativa a Roma

Il realismo è la base di ogni credibilità, e uno sguardo realistico sulle condizioni per la costruzione di una proposta politica alternativa di sinistra a Roma, non può che partire dall’individuazione di alcuni problemi reali. Primo fra tutti il dato di una sinistra politica, intendendo per essa le sue forze organizzate, con un recente passato di diverse e opposte collocazioni: una parte, SEL e le diverse esperienze provenienti dal PD, impegnate come forza di governo (almeno fino a luglio) nella giunta Marino, parte, il PRC, all’esterno delle istituzioni, impegnato nella costruzione dell’opposizione politica e sociale alla stessa giunta. Non è tema questo che riguarda solo il passato, almeno nella misura in cui una proposta politica credibile per la città, non può esimersi da una valutazione e da un bilancio degli ultimi due anni di governo. Valutazione e bilancio che non possiamo che considerare negativo, e che impone una forte discontinuità con il passato.

Neanche dal punto di vista della “sinistra sociale” il panorama appare meno problematico: una realtà ricca di esperienze, di pratiche d’autorganizzazione, di partecipazione e conflitto, che però si presenta ancora frammentata, lontana dalla capacità di fare rete, e prodursi come soggettività politica in grado di parlare a tutta la città: Barcellona è lontana. Al contrario forte è la tendenza a guardare con distacco, se non con indifferenza, alle liturgie dell’evento elettorale, mentre anche in questo mondo, tradizionalmente caratterizzato a sinistra, il M5S suscita interessi, se non altro come “grimaldello”, per forzare una realtà che appare bloccata.

Il tutto in una città in cui commissariamento, giubileo e ansia securitaria, formano una coltre che copre un clima di stanchezza, rassegnazione, solitudine e progressivo imbarbarimento, un processo di crisi, in cui la prossima tornata elettorale, più che essere momento di soluzione, rischia di divenire fattore di accelerazione, visto il generale deficit di proposta e qualità politica di gran parte dei competitori. La politica a Roma è assente, e non da oggi… il suo ultimo sindaco vinse le elezioni, rivendicando la lontananza da essa.

Avanzare una proposta di sinistra alternativa in questo contesto è quindi un percorso difficile e ambizioso, che guarda oltre la semplice scadenza elettorale, ma vuole interpretare la crisi della città, cogliendone opportunità e contraddizioni, in un quadro di rottura con le esperienze di governo del passato, discutibili in se, e definitivamente superate dal nuovo contesto determinato dalla crisi economica.

E’ in questo quadro complesso che la candidatura di Stefano Fassina, può rappresentare l’opportunità di riaprire una relazione tra quanti a sinistra hanno visto naufragare davanti ad un notaio l’ultima illusione di centrosinistra, e chi da tempo lavora per la costruzione di una sinistra alternativa. Un tentativo che finalmente parte dall’indisponibilità ad offrirsi in alcun modo come stampella al PD, che si qualifica con elementi di programma di grande significato, primo fra tutti quella ricontrattazione e ristrutturazione del debito pubblico della città (oltre 500 milioni di soli interessi ogni anno), che deve essere la base di ogni progetto di rinnovamento e riqualificazione della città, dei suoi servizi, del suo patrimonio, della sua economia, del suo stesso tessuto connettivo e democratico. E altri ancora sono gli elementi di carattere programmatico, sui quali è necessaria una chiara discontinuità rispetto alle scelte del passato governo di centrosinistra, dalla speculazione di Tor di Valle, alla candidatura alle Olimpiadi, dalla gravissima condizione dei lavoratori capitolini, all’eterna emergenza abitativa, da una nuova politica del trasporto, all’attacca agli spazi di socialità e democrazia, iniziato con l’ottusità legalitaria della giunta Marino, e che continua in questi giorni nella Roma commissariata.

Ma a fronte di questa necessità di un cambio di passo, di una discontinuità, se non addirittura di un a vera e propria rottura, con una dimensione della politica vissuta per decenni nella pratica compromissoria con gli assetti di potere, con una logica in cui la difesa del particolare era prevalente rispetto alla visione generale, e in ultimo, in questi due anni di giunta Marino, con una prona subalternità alle politiche del governo Renzi, a fronte di questa necessità, quanto la sinistra politica romana è in grado di presentarsi in modo credibile e senza ambiguità?

E’ utile richiamarsi ad ogni occasione al centro sinistra, magari proponendo le primarie insieme al PD, come esperienza da riproporre ovunque e appena possibile, quasi che la proposta di sinistra alternativa sia solo un parcheggio, in cui posizionare un po’ di ceto politico, in attesa che passi la bufera renziana? Non credo, eppure non mancano autorevoli “sostenitori” di Fassina, che con lodevole trasparenza, riaffermano questo approccio ad ogni occasione utile.

E’ credibile il sostegno ad una proposta di sinistra alternativa, che evita di misurarsi con le scelte di sostanziale continuità con il passato, che la giunta Marino ha messo in campo, quell’idea di sviluppo basata sull’uso speculativo del territorio e su i grandi eventi, che nel cosiddetto “stadio della Roma” e nella candidatura olimpica, hanno gli elementi più noti e visibili, ma che il promemoria affidato dall’ex assessore Caudo all’attuale Comissario Tronca, arricchisce di una quantità di iniziative dannose per la città? Eppure nessuna riflessione critica in tal senso ci giunge da quanti oggi vogliono dare il loro contributo alla costruzione della sinistra d’alternativa, dopo essere stati organicamente parte della maggioranza di centrosinistra in Campidoglio.

Ne possiamo accettare che il percorso di costruzione di una proposta unitaria della sinistra, debba cedere il passo alle necessità di visibilità e protagonismo di soggetti politici nazionali, come Sinistra Italiana o altri che potrebbero uscire dall’assemblea nazionale di febbraio, che senza sciogliere il nodo del rapporto con il centrosinistra, hanno la discutibile pretesa di rappresentare tutto ciò che vive alla sinistra del PD.

Un profilo politico credibile, di questo ha bisogno una sinistra d’alternativa a Roma; un profilo politico da investire in un percorso che non si esaurisce nella prossima scadenza elettorale, ma che guarda oltre tale scadenza, in un percorso di ricostruzione del rapporto tra sinistra politica e società.

Per costruire tale profilo politico unitario, c’è bisogno di scelte programmatiche di chiara discontinuità, ma anche di scelte politiche nette, di una voglia di mettersi in gioco senza reticenze, che si sostanzi nella costruzione unitaria di una lista alternativa, a fronte della quale i partiti facciano un passo indietro, una lista alternativa al PD che sia presente in ogni municipio, e nella quale il tema della discontinuità rispetto alla giunta Marino, sia evidente anche nella scelta dei candidati.

Se riusciremo in questo tentativo, la sinistra a Roma potrà riaprire un cammino, di cui le prossime elezioni saranno il primo passo.

Quello che certamente non possiamo permetterci è un’operazione in cui dopo aver fatto appello ai gradi valori della sinistra e della sua unità, dopo aver promosso percorsi di discussione programmatica partecipata, dopo esserci presentati alla città come alternativa e cambiamento, l’unico risultato sia la rielezione di chi fino a ieri ha governato Roma con il PD, e oggi ha finalmente scoperto la via dell’alternativa.

Claudio Ursella*

*Segretario della Federazione di Roma del Prc

da www.controlacrisi.org

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.