8 dicembre 2016

On. Parisi, Ala: “Rapporti pregressi tra Renzi e Verdini leggenda metropolitana”

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durante la cerimonia inaugurale della Fiera del Levante a Bari, 13 settembre 2014. ANSA/LUCA TURI

Il deputato di Ala Massimo Parisi, ex coordinatore regionale di Forza Italia Toscana, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ).

Parisi ha presentato il suo libro “Il Patto del Nazareno”.  “In questo libro –ha spiegato Parisi- ho cercato di raccontare questa vicenda vissuta in prima persona, anche attraverso i miei dubbi e le mie conclusioni. Quando si incontrarono Renzi e Berlusconi al Nazareno, Renzi non era ancora premier, era solo il segretario del Pd. In quel momento c’era un’emergenza nel Paese perché la Consulta aveva dichiarato incostituzionale la Legge Elettorale. Quindi in quel momento era una priorità cambiare la legge elettorale. Verdini è stato l’ambasciatore di Berlusconi, ma c’era la volontà sia di Renzi sia di Berlusconi a cambiare la legge. Berlusconi era stato appena espulso dal parlamento per effetto della legge Severino, secondo me sbagliata. Renzi ha compiuto un atto coraggioso, giustificandolo con l’obiettivo del cambiamento della legge elettorale e della Costituzione. Larga parte della storia dei rapporti pregressi tra Renzi e Verdini è una leggenda metropolitana. Firenze è una grande città, non è che si conoscono tutti. Non c’erano rapporti tra loro, Verdini il numero di Renzi l’ha chiesto a me. Certo, il fatto di essere fiorentini ha aiutato, perché i fiorentini sono pratici, vanno presto al dunque. Il patto del Nazareno si rompe formalmente con l’elezione di Mattarella, il 31 gennaio 2015. Verdini lascia Forza Italia a fine luglio del 2015. In quei mesi ci sono stati numerosi colloqui tra Verdini e Berlusconi per evitare questa rottura. Berlusconi ha scelto però di interrompere questo percorso”.

Sugli errori di Forza Italia. “Quando scegli di spostarti più a destra –ha affermato Parisi- devi fare i conti col fatto che si è affermata la Lega, diventata un partito nazionale di destra. FI ha un problema di spazio politico. Se scegli di andare con la Lega l’elettorato moderato non si riconosce più in te. Il consenso non è certo risalito dopo la rottura del patto del Nazareno. Rotto il patto, FI sta intorno al 10%. Secondo me Berlusconi ha colto l’occasione dell’elezione di Mattarella per rompere un patto che non sentiva più suo da mesi. La rottura tra Berlusconi e Verdini è vera, è politica, è stata molto sofferta. Siamo convinti che avrebbe fatto bene a FI e al Paese se Berlusconi fosse rimasto nel patto del nazareno, ma questa scelta non è stata fatta. Noi sosteniamo non il governo Renzi, ma le riforme che servono al Paese. Brunetta secondo me sbaglia, ma almeno è stato coerente, ad essere stato sempre contrario al patto del Nazareno”.

Fonte: Radio Cusano Campus