6 dicembre 2016

Appio – Incendio doloso in una pizzeria, l’indagine fa emergere un’estorsione in atto

Le indagini della Polizia di Stato hanno avuto inizio verso la fine dello scorso mese di ottobre, quando un incendio di natura dolosa ha seriamente danneggiato la parte retrostante di una pizzeria all’Appio.

Le immediate indagini effettuate dagli agenti del Commissariato di zona, diretto dal dott. Michele Peloso, hanno accertato che la porta della pizzeria era stata nella circostanza danneggiata e che dalla cassa era stata asportata una somma di danaro di alcune centinaia di euro.

Il titolare della pizzeria, sentito in merito, ha riferito di non avere sospetti su chi potesse essere l’autore del gesto, ma le investigazioni degli agenti hanno fatto convergere le loro attenzioni su un connazionale della vittima, un 36enne pakistano sprovvisto di soggiorno e con svariati precedenti di Polizia e provvedimenti di espulsione.

Nell’effettuare le indagini, infatti, è emerso che il titolare della pizzeria, nel mese di settembre, era dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso per un pestaggio che gli aveva causato fratture e contusioni varie.

Le ulteriori investigazioni hanno fatto emergere una serie di soprusi, poichè il 36enne era solito entrare all’interno dell’esercizio commerciale pretendendo di consumare senza pagare, nonché continue richieste di danaro al titolare.

E proprio la mancata consegna della somma richiesta, nel mese di settembre, aveva fatto scattare il pestaggio, con la contemporanea rapina di 1.000 euro in contanti e di una collana d’oro.

Temendo il verificarsi di altri episodi violenti gli agenti hanno predisposto un costante servizio di controllo fin quando, nella giornata di ieri, hanno scorto il 36enne dirigersi per l’ennesima volta nell’esercizio commerciale.

L’uomo, alla vista della Polizia, ha cercato di fuggire spintonando gli agenti, che lo hanno immediatamente bloccato.

Dalle testimonianze acquisite è emerso un vero e proprio stato di paura indotto nel titolare della pizzeria, costretto a girare costantemente in compagnia di altre persone per prevenire eventuali condotte violente nei suoi confronti.

Avuti pertanto concreti riscontri alle indagini effettuate, i poliziotti hanno sottoposto il 36enne a fermo di indiziato di delitto.

Rapina, estorsione e lesioni gravi i reati di cui dovrà rispondere, mentre proseguiranno le indagini per stabilire il suo eventuale coinvolgimento nell’incendio del locale.

About Emanuele Bompadre 8249 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.