3 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Mihajlovic: “Gennaio fondamentale”

SOLBIATE ARNO, ITALY - JULY 14: AC Milan coach Sinisa Mihajlovic looks on before the preseason friendly match between AC Milan and Legnano on July 14, 2015 in Solbiate Arno, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Queste le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa da mister Mihajlovic, il capitano Riccardo Montolivo e Nigel De Jong, il giorno prima di Milan-Bologna:

MISTER MIHAJLOVIC
“Speriamo che questo 2016 ci possa portare a giudicarci con maggior ottimismo. Io penso che abbiamo 3 partite fondamentali per chiudere questa prima parte di stagione. Ci giochiamo molto contro Bologna, Roma e Carpi. Dobbiamo fare il massimo. Sono tre gare fondamentali. Se le facciamo bene svoltiamo e riprendiamo il girone di ritorno con più carica ed avremo gli scontri diretti in casa. Tutto passa però da queste tre gare iniziali del 2016. Il Bologna è in fiducia e sta bene. Hanno perso contro l’Empoli, ma verranno qui per fare il colpo. Dovremo stare molto attenti a loro, in particolar modo sulle palle inattive. Hanno molti saltatori bravi e poi dovremo stare attenti in mezzo al campo e in attacco. Brienza si è fatto male, ma hanno Destro che sta bene ed è un ex. Speriamo non funzioni la regola dell’ex. In questi 5-6 mesi l’andamento c’è stato, ma dobbiamo imparare che non possiamo sbagliare atteggiamento contro nessuno. Possiamo vincere con chiunque, solo se non ci sentiamo superiori a nessuno. Servono personalità e concentrazione. Le gare dopo le soste sono insidiose, ma se giochiamo da Milan possiamo vincere.
Gennaio è fondamentale in queste prime 3 partite. Se vinciamo svoltiamo, altrimenti si parlerà di agonia. Dobbiamo chiudere bene il girone d’andata, per avere la carica giusta nel ritorno.
Un proverbio dice “un leone non perde sonno per l’opinione della pecora, bensì se la mangia”. Penso che abbiate capito come affronto la cosa. Non ho letto le parole di Honda. Quando torna in Giappone parla e qui no. Forse non è stato inteso bene, non saprei. Bisognerebbe parlare con Keisuke su quello che hanno riportato. Mi è successo anche a me da calciatore. Chiamate Honda e lui vi spiega tutto per bene.
Zidane è stato uno dei più grandi degli ultimi anni, però è anche vero che l’allenatore è un’altra cosa. Sicuramente ha imparato in questi anni e sono contento per lui, anche se mi dispiace per Benitez. Speriamo che Zizou possa fare bene”.

Gli altri temi affrontati dall’allenatore del Milan: “Abbiamo avuto tante svolte in stagione, ma ogni gara fa storia a sè. A Frosinone nonostante lo svantaggio è entrata in campo con un altro spirito rispetto Carpi e Verona. Possiamo vincere contro tutti, ma non dobbiamo sentirci superiori. Serve concentrazione, rabbia e personalità. Non possiamo pensare che basti solo la tecnica. Solo il Bayern e il Barcellona si possono permettere questo. Serve personalità e voglia, cose che serviranno contro il Bologna. Serve un miglioramento di mentalità. Boateng non penso che partirà dal primo minuto, abbiamo tutti disponibili esclusi Balotelli, Menez e Romagnoli.
Berlusconi mi ha già regalato l’opportunità di allenare il Milan, questo è già il regalo più bello. Boateng tornerà utile e tra poco torneranno Balotelli e Menez. Abbiamo le idee chiare, ma di mercato ne parlo sempre e solo con la Società.
Balotelli deve recuperare la condizione fisica, ma non può rientrare in gruppo. Deve rientrare in forma e sta lavorando bene in questi giorni. Verso metà di gennaio dovrebbe essere a disposizione, magari anche a fine gennaio. Stesso discorso vale per Menez. Ha cominciato a lavorare con la palla, ma senza rischiare lo porteremo in forma.
Fare la preparazione qui è una scelta personale, ma non è stato così freddo qui a Milano. E’ stato giusto rimanere qui, penso ci si possa preparare meglio.
Il campionato è molto più equilibrato degli anni scorsi. Non c’è differenza tra grandi e piccole e sicuramente ne gudagna lo spettacolo. Il nostro obiettivo è far giocare gente italiana e contro il Frosinone avevamo in campo molti italiani con età media di 25 anni. Dati importanti che sottolineano il nostro lavoro sul presente e sul futuro. La pressione fa parte del Milan, ma stiamo gettando le basi per un futuro migliore. Siamo tra i pochi a far giocare tanti italiani. Se vogliamo bene al nostro movimento è giusto perseguire questa strada. La ritengo una cosa positiva per tutti.
Ognuno ha il suo carattere. Invidio la tranquillità di certi colleghi, ma io non ci riesco”

RICCARDO MONTOLIVO
“Credo che dovremo dimenticare l’anno scorso. Lo abbiamo comunque ben chiaro in testa. Dobbiamo continuare come contro Samp e Frosinone. Affrontiamo una squadra forte e ci sarà da lottare. Vogliamo mettere in campo lo spirito dell’ultima partita. I fischi? Non penso di possano fare valutazioni simili, perchè altre volte a San Siro ho giocato molto bene. Noi rispettiamo l’opinione della Curva e il sostegno dei tifosi è fondamentale. Chiediamo sempre sostegno assoluto, cosa che non è mai venuta a mancare e ringrazio i tifosi per averci supportato in questi anni difficili. I giocatori non pensano al mercato, bensì al campo. Saremo contenti se la Società inserisse giocatori di qualità in grado di alzare il livello della rosa. Parlo a nome della squadra: siamo tutti sereni”

NIGEL DE JONG
“Abbiamo lavorato tanto e quindi dobbiamo proseguire su questa strada. Sono a disposizione della squadra. Il primo passo del 2016 cominicia da domani. Il Bologna è in forma, ma dobbiamo vincere per forza. Abbiamo perso punti contro le piccole. Dobbiamo vincere tutte le partite in casa e speriamo di iniziare questo 2016 con 3 punti in casa. Io non parlo del mio futuro e rispondo solo sulle domande della partita”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.