3 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Mancini: “Servirà essere perfetti”

Conferenza stampa di presentazione di Empoli-Inter con la sorpresa di Samir Handanovic nerazzurro fino al 2019. Il portiere sloveno, tra i migliori interpreti del ruolo nel mondo, sarà il portiere dell’Inter per altri tre anni. Dopo la consueta foto di rito con la maglia dedicata alla firma, conferenza doppia per lui e Roberto Mancini. Inevitabile la partenza dalla tournée in Qatar: ‘Abbiamo lavorato bene, non faceva molto caldo ed è stato un buon periodo di allenamento”, ha esordito il tecnico dell’Inter, per poi virare sulla sfida del “Castellani”: “Ad Empoli bisognerà essere perfetti, sono molto bravi e in forma. Giampaolo sta facendo un lavoro importantissimo”.

La chiave per fare bene Handanovic la vede bei primi minuti di gioco dove sono maturate le uniche sconfitte subite fino ad oggi: “Bisognerà stare attenti a non sbagliare approccio. Succede a noi e ad altri. Sappiamo che dobbiamo fare bene da subito”.

Errori che, fatalmente, possono capitare: “Dobbiamo continuare a lavorare ed essere consapevoli che a volte gli errori possono capitare. Non bisogna pensare che siccome siamo in testa e nessuno se l’aspettava ad inizio campionato sia un momento buono e ci voglia poco per fare bene. Bisogna anzi dare di più per fare confermare i risultati fatti fin’ora”.
Un rinnovo importante quello dello sloveno. Su due giocatori in scadenza di contratto Mancini di esprime così: “Palacio e Nagatomo? sono professionisti straordinari. Fosse per me, per queste ragioni, rinnoverei il contratto anche a loro”. Inizia il periodo del mercato: “Fino ad oggi tutto o giocatori quando hanno giocato hanno dato il massimo. Juve, Roma, Napoli e Fiorentina pensavamo che avessero in più ai nastri di partenza. Fino ad oggi il calcio ha dato un verdetto diverso e speriamo che vada avanti così. Ad oggi per migliorare la squadra ci vogliono soldi e con il FFP non mi sembra che sia il caso”. Quando si parla di giocatori in uscita viene fatto il nome di Brozovic: “Marcelo, se avrà la testa sulle spalle diventerà uno dei migliori in assoluto. Non lo cediamo neanche di fronte ad una offerta incredibile”.
Poi il portiere torna sulle due sconfitte casalinghe subite fin qui: “Fiorentina e Lazio sono due partite diverse. La prima è colpa mia. Mi prendo la responsabilità. Con la Lazio abbiamo avuto un approccio sbagliato, poi abbiamo recuperato e non abbiamo raccolto il punto che serve guadagnare laddove non si può vincere”.

Poi, per quella che sta diventando quasi una tradizione delle conferenze in casa Inter, spazio all’anticipazione di 5 titolari per la sfida di Empoli: “Handanovic, Miranda, Murillo, Medel e Ljajic”. E infine, sempre Mancini sull’avvicendamento tra Benitez e Zidane sulla panchiana del Real: “Quando viene esonerato un tecnico dispiace sempre. Zidane inizia a far l’allenatore adesso e ha tantissime qualità per farlo. Gli auguro il meglio per ottenere dei grandissimi risultati”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.