4 dicembre 2016

Rottura Iran-Arabia Saudita, Ardemagni: “Stati Uniti in difficoltà a trovare alleati in Medio Oriente”

La Dott.ssa Eleonora Ardemagni, analista di relazioni internazionali del Medio Oriente, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Il Mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano ( www.unicusano.it ), in merito alle tensioni tra Iran e Arabia Saudita.

“Le differenze settarie di confessione tra Sciiti e Sunniti vengono strumentalizzate dalla politica per fini di potere, di egemonia –ha affermato Ardemagni-. Al Nimr, giustiziato in Arabia Saudita, era un oppositore interno dei sauditi. E’ stato accusato di settarismo da Rihad, è stato accusato di essere un infiltrato iraniano, perché l’Arabia Saudita persegue questa politica di voler mischiare chi critica la monarchia con i nemici esterni, agli occhi dell’opinione pubblica. L’Arabia Saudita addita gli Sciiti che vivono nella penisola arabica, nell’Arabia Saudita, in Bahrein, come non arabi e al servizio del nemico iraniano. Questo è un gioco politico che serve a delegittimare le loro richieste che sono spesso rivendicazioni economiche e sociali, dato che vivono in condizioni di emarginazione rispetto ai Sunniti. Anche la riunione che ci sarà domenica della Lega araba è stata convocata per discutere dell’ingerenza iraniana negli affari arabi. Una questione di opposizione interna è stata trasformata dal potere in una vicenda di respiro regionale”.

Sui rapporti tra Arabia Saudita e Stati Uniti. “In questo momento gli Usa sono in grande difficoltà ad impostare una politica regionale sul Medio Oriente –ha affermato Ardemagni-. Obama ha tentato di riequilibrare i rapporti di forza nel Golfo tra Arabia Saudita e Iran. Aprendo all’Iran, negoziando l’accordo sul nucleare, ha scontentato molto l’Arabia Saudita, ha creato ancora più diffidenza nel rapporto tra sauditi e statunitensi. Oggi Washington fa sempre più fatica a trovare degli alleati in Medio Oriente. Ci sono le monarchie del Golfo e Israele che sono alleate degli Usa, ma i rapporti con Netanyahu sono sempre tesi. Rapporto complicato anche con la Turchia. Aver voluto bilanciare i rapporti di forza nel Golfo ha creato tante conseguenze, la prima di queste è che i sauditi continuano a spingere sull’acceleratore nei confronti dei loro vicini regionali”.

Fonte: Radio Cusano Campus