9 dicembre 2016

Regione Lazio – Bilancio della polizia stradale, poche cinture allacciate e troppi cellulari alla guida.

Tempo di bilanci anche per la Polizia stradale del Lazio che nel 2015 ha messo in campo nella regione   37.572 pattuglie di vigilanza stradale e 2.661 di polizia giudiziaria.

Agli utenti indisciplinati sono state contestate 102.720 infrazioni al codice della strada, sono state ritirate 3044 patenti di guida e 4529 carte di circolazione, mentre i punti complessivamente decurtati sono stati 101.237.

Nella provincia di Roma la disabitudine all’uso delle cinture di sicurezza   ha fatto registrare un incremento del 22% in più di contestazioni, così come l’uso del telefono cellulare alla guida ha subito un incremento, nei contesti, del 3% in più, rispetto all’anno precedente.

Tuttavia, il dato più significativo nella capitale è il calo degli incidenti mortali, che sono passati da 51 a 43, con 45 persone decedute, rispetto alle 60 del 2014: dunque   -15 deceduti,   che si può ritenere un risultato importante, un punto di partenza per continuare e migliorare le strategie di prevenzione.

Una riduzione delle persone decedute, ancorché limitata, vi è stata anche nel resto della regione, dove gli incidenti sono rimasti pressoché invariati: 5773 incidenti rilevati (14 in meno rispetto al 2014) ma con un bilancio, tra le varie province del Lazio, di 6 persone decedute in meno.

Particolare importanza è stata data ai servizi di contrasto della guida sotto l’effetto di alcool e di sostanze stupefacenti. I conducenti controllati con etilometri, alcool test e drug test nella regione sono stati 56.203 – di cui 1068   sanzionati, anche attraverso 185 accertamenti sanitari presso le strutture ospedaliere. Nello specifico   970 sanzionati per guida in stato di ebbrezza alcolica e 98 denunciati per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Nelle sole notti dei fine settimana sono stati   sequestrati, ai fini della confisca, di 262 veicoli per guida in stato di ebbrezza alcolica con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l e per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

In attuazione al protocollo d’intesa tra Ministro dell’Interno e Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del luglio 2009, anche nel 2015 la Polstrada del Lazio ha potenziato i controlli dell’autotrasporto professionale, controllando 4436 veicoli pesanti, nell’ambito di 281 servizi mirati, dove sono state accertate 2638 infrazioni e ritirate 56 patenti e 93 carte di circolazione.

Sono stati organizzati, inoltre, in tutta la regione, 330 servizi specifici e controlli selettivi, mirati a tutelare la sicurezza sociale, alimentare e ambientale, con controlli di legalità nel settore dell’autotrasporto (persone, animali vivi, sostanze alimentari e trasporti eccezionali), e nel settore delle attività di autodemolizione, con particolare attenzione anche alla normativa per la tutela ambientale.

Con le medesime finalità sono stati organizzati ulteriori dispositivi selettivi finalizzati ai controlli della copertura assicurativa, della condizione degli pneumatici (usura, pneumatici invernali, catene da neve a bordo), ai controlli sull’uso dei cellulari alla guida e delle cinture di sicurezza.

Il 2015 è stato un anno intenso anche per la repressione dei reati connessi al traffico internazionale di veicoli, ai furti di auto e alle falsificazioni documentali.

In ambito regionale sono state arrestate 206 persone, mentre altre 1987 sono state denunciate; i veicoli recuperati sono stati 16 e altri 90 sono stati sottoposti a sequestro.

I controlli amministrativi effettuati alle attività commerciali connesse ai cicli di vita dei veicoli, sono stati 297, con la contestazione di 113 sanzioni amministrative e 2.281 veicoli controllati.

Nelle campagne di informazione e di educazione stradale sono stati impegnati 346   donne e uomini della polizia stradale, che hanno coinvolto oltre 15 mila studenti di tutte l’età.

Icaro – la più importante campagna di sicurezza stradale dedicata ai giovani promossa dalla Polizia di Stato in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell’Università “Sapienza” di Roma, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Moige (Movimento Italiano Genitori), la Fondazione ANIA per la sicurezza stradale, la Federazione Ciclistica Italiana, il gruppo Autostradale ASTM – SIAS, l’Autostrada del Brennero Spa, il canale televisivo Bike Channel ed il contributo di Avio – giunta alla 15^ edizione, è stata dedicata ai più piccoli, con particolare attenzione alle regole da rispettare nell’utilizzo della strada e della bicicletta, senza trascurare i ragazzi più grandi, i neo patentati ed i genitori.

Il 2015 si è chiuso anche con una nuova attenzione alle vittime della strada, grazie al progetto Chirone, che ha già lo sguardo volto verso il 2016 e che vedrà la Polizia Stradale del Lazio, in prima linea, sul fronte della formazione del personale, dell’assistenza alle vittime degli incidenti stradali e dei loro familiari.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.