9 dicembre 2016

Fratoianni, Sinistra Italiana: “Tronca vuole vendere asili, in linea con la visione del governo sui servizi sociali”

Nicola Fratoianni, deputato di Sinistra italiana e coordinatore di Sinistra ecologia e libertà, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sulla candidatura di Stefano Fassina a sindaco di Roma. “Fassina non è un agnello sacrificale –ha affermato Fratoianni-. E’ una personalità di primo piano che si è messa a disposizione di Roma, lo sta facendo in modo generoso e determinato con il nostro pieno sostegno. A Roma è necessario mettere in campo una proposta che abbia a che fare con la qualità dei servizi”.

Sull’intenzione del commissario Tronca di vendere gli asili romani ai privati e le materne allo Stato. “L’asilo è una struttura fondamentale del welfare, per l’educazione dei bambini e per la libertà dei genitori –ha spiegato Fratoianni-. Il commissariamento di Roma è il frutto dell’idea del governo in merito al rapporto con gli enti locali. La vendita ai privati la dice lunga su questo… Così come l’idea della vendita delle materne allo Stato, che non investe neanche un quarto delle risorse necessarie per garantire la disponibilità di posti per i bambini sotto i 3 anni. Le tanto sbandierate promesse di Renzi sugli asili sono state tutte disattese. Un cittadino giudica un’amministrazione su questo, sugli asili, sul trasporto pubblico. La situazione di questi servizi è responsabilità di chi ha le leve del governo del Paese”.

“Landini? Fa il sindacalista e ribadisce che sta facendo la coalizione sociale non per fare politica –ha affermato Fratoianni-. Il suo contributo è molto importante anche per noi. Peciola? Se ci sono proposte diverse che sono in grado di dare ulteriore contributo alla prospettiva a cui stiamo lavorando ben vengano, se ne discute. Il Pd a Roma è particolare, difficile immaginare alleanze con dirigenti di questo partito considerato quello che ha fatto con l’esperienza Marino. Si è deciso di chiudere un’esperienza dal notaio. E prima si era scelto di commissariare l’amministrazione. Su questo il Pd ha una responsabilità di fatto. Il fatto che alla vigilia dei turni elettorali, magicamente il centrosinistra parli di unità della coalizione non è coerente, dopo che in tutto il resto dell’anno questi discorsi venivano bollati come anacronistici. Governare con la sinistra non è difficile, bisogna fare cose di sinistra, cioè fare il contrario di quello che è stato fatto negli ultimi anni”.

Sul futuro di Sinistra Italiana. “I sondaggi non ci deprimono –ha detto Fratoianni-. Noi ci candidiamo per provare a vincere anche quando sembra difficile. Se non si vince ci misura con quello che troviamo davanti. Se M5s o Pd andassero al ballottaggio? Darei fiducia al candidato più vicino alle nostre proposte”.

Fonte: Radio Cusano Campus