7 dicembre 2016

Felicità: accontentatevi e accettate per raggiungerla

Questi giorni di festa mi hanno fatto riflettere sulla felicità e su come questa, il più delle volte, è negli occhi e nei cuori di chi apparentemente non ha molti motivi e spunti per provarla.

La felicità, quella vera, secondo me non è correlata allo status della persona ma è uno stato emotivo che non viaggia in parallelo con le cose che la circondano. La mia vita mi permette di interagire con persone di tutti i gradini della scala sociale e, forse mi sbaglio, non sempre l’essere ai piani alti regala la pura felicità.

Con questo non voglio dire che per essere felici bisogna necessariamente essere posizionati sugli scalini bassi, neanche voglio ostacolare la salita della scala per evitare di perdere un bello stato emotivo. Mi sono chiesto, però, il perché di questa situazione e la risposta che mi sono dato è che la felicità prescinde dalla materialità ed è profondamente legata ai rapporti che si hanno con se stessi e con le persone che ci circondano.

La felicità è un qualcosa che regala sapore e colore all’esistenza, che sfugge alle regole della logica e della ragione. Nella razionalità può non esserci felicità, mentre è possibile trovarla nella irrazionalità.

Questa componente è legata a doppio filo all’intensità delle emozioni che si vivono. Quante donne e uomini avete visto infelici nonostante la vita abbia donato loro tutto il desiderabile secondo i parametri di una società materialista come la nostra?

Quante donne e uomini avete osservato scoppiare di felicità alla faccia di storie personali depauperate da un destino cinico e cattivo? Mia intenzione non è scrivere un trattato sulla felicità né annoiarvi con analisi sociologiche.

Voglio semplicemente farvi riflettere e darvi quelli che per me sono preziosi suggerimenti: accontentatevi e accettate. Accontentatevi di essere quello che siete, perché solo così scoprirete il tanto che avete fatto. Accettate di vivere anche quelle difficili e impegnative fasi della vita; solo così avrete modo di godere davvero delle altre. I verbi accontentare e accettare servono, a mio avviso, per coniugare tutte le sfaccettature della felicità.

La felicità sincera non abbisogna di uno smartphone ultimo grido o di una macchina lussuosa per essere vissuta; a cosa servono questi oggetti se non c’è nessuno con il quale vale la pena parlare o raggiungere? O meglio, se c’è bisogno di questi per interagire con gli altri, quali sono le basi sulle quali si poggia il rapporto? Questi oggetti offrono l’illusione effimera di uno status di apparente felicità.

Le mie possono sembrare le parole di un rosicone che non può permetterseli; in realtà sono la constatazione di un vissuto quotidiano dove cerco di far miei i verbi accontentare e accettare. Sono ancora lontano dal riuscirci ma so che la vera felicità passa per queste parole.

Quando si è felici, infine, si è più spontanei, positivi e liberi. Se non vi sentite felici, fermatevi e chiedetevi se vi siete accontentati e avete accettato. Magari scoprirete d’essere felici…..

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.