5 dicembre 2016

Vigilare contro il male, accogliendo Gesù e il Vangelo: il Papa all’Angelus

“Impariamo a tenere il cuore rivolto a Gesù mentre si svolgono le nostre giornate, con gioie e dolori, soddisfazioni e problemi”. E’ l’invito di Papa Francesco che, all’Angelus riprendendo la Liturgia, parla del mistero del male, dell’Incarnazione del Dio che ci salva e di quanti “hanno chiuso la porta in faccia al Figlio di Dio”. Dio – assicura Francesco – può salvarci dal male che “è sempre accovacciato alla nostra porta e vuole entrare”. Dunque, il rinnovato invito di Francesco a leggere ogni giorno un brano del Vangelo. Il servizio di Fausta Speranza

Di fronte al mistero del male, “siamo chiamati a spalancare la porta del nostro cuore alla Parola di Dio”. Papa Francesco ricorda che “il male insidia anche la nostra vita e che richiede da parte nostra vigilanza e attenzione perché non prevalga”. Ricorda quella che definisce “una bella frase della Genesi”:

“Il Libro della Genesi dice che il male è “accovacciato davanti alla nostra porta”. Guai a noi se lo lasciamo entrare; sarebbe lui allora a chiudere la nostra porta a chiunque altro. Siamo invece chiamati a spalancare la porta del nostro cuore alla Parola di Dio, per diventare così suoi figli.”

Dio si è incarnato affinchè – spiega Francesco – “toccassimo con mano l’amore di Dio”. E sottolinea quella che definisce la drammaticità dell’Incarnazione: di fronte alla luce, gli uomini hanno scelto le tenebre. Poi, l’invito ad accogliere davvero la Parola di Dio e a far sì che “il Vangelo diventi sempre più carne anche nella nostra vita”:

“E Lui ci difenda dal male, dal diavolo, che sempre è accovacciato davanti alla nostra porta, davanti al nostro cuore, e vuole entrare”.

“Accostarsi al Vangelo, meditarlo e incarnarlo nella vita quotidiana è il modo migliore per conoscere Gesù e portarlo agli altri.” Dunque, un richiamo all’Anno Santo della Misericordia. Papa Francesco infatti non ha dubbi: “Se lo accogliamo, cresceremo nella conoscenza e nell’amore del Signore, impareremo ad essere misericordiosi come Lui”. “È l’invito – afferma il Papa – della santa Madre Chiesa ad accogliere questa Parola di salvezza, questo mistero di luce. Questa è la vocazione e la gioia di ogni battezzato: indicare e donare agli altri Gesù; ma per fare questo dobbiamo conoscerlo e averlo dentro di noi, come Signore della nostra vita”.

Dopo la preghiera mariana, il Papa rinnova l’invito a leggere ogni giorno un brano del Vangelo:

“E ricordo anche quel consiglio che tante volte vi ho dato: tutti i giorni leggere un brano del Vangelo, un passo del Vangelo, per conoscere meglio Gesù, per spalancare il nostro cuore a Gesù, e così possiamo farlo conoscere meglio agli altri. Anche, portare un piccolo Vangelo in tasca, nella borsa: ci farà bene. Non dimenticate: ogni giorno leggiamo un passo del Vangelo.”

“Nei momenti lieti e in quelli tristi, affidiamoci a Lui, nostra speranza!”, dice il Papa che ricorda anche “l’impegno che – dice – ci siamo presi a capodanno, Giornata della Pace, sul tema: Vinci l’indifferenza e conquista la pace”. “Con la grazia di Dio, – assicura il Papa – potremo metterlo in pratica”. Inoltre, un saluto cordiale ai fedeli di Roma e pellegrini venuti dall’Italia e da altri Paesi, alle famiglie, le associazioni, i diversi gruppi parrocchiali, in particolare ad alcuni cresimandi. E “a tutti gli auguri di pace e di bene nel Signore”. Poi torna la richiesta alla quale ci ha abituato Papa Francesco: “Non dimenticate, per favore, di pregare per me”.

(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.