3 dicembre 2016

Soldato “Senza volto e senza storia”

Nuova indagine in corso per l’Associazione “Un ricordo per la pace”. Anche questa volta, come per il bombardiere B-25 USA precipitato ad Ardea, la richiesta di informazioni proviene dall’America, precisamente dai familiari di Guido Cervi, originario di Picinisco (Frosinone) uno dei tanti soldati dispersi durante la campagna di Russia della seconda guerra mondiale.
Da qualche anno, dopo l’apertura degli archivi russi è possibile trovare notizie sui nostri caduti in guerra su un sito del Ministero della Difesa – Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti in Guerra.
“Lo abbiamo consultato anche per capire la sorte del povero Guido Cervi – ci ha comunicato Elisa Bonacini presidente dell’Associazione apriliana – Nel foglio matricolare che ci è poi pervenuto il 29 dicembre scorso è stato possibile risalire al Corpo di appartenenza. Guido, nato a Picinisco il 22 agosto 1922 era uno dei soldati del 277° Reggimento Fanteria mobilitato della 156a Divisione Vicenza. Nel documento risulta che già al dicembre 1942 risultava disperso nelle operazioni militari in Russia. I suoi resti, purtroppo, come quelli di mio zio Dante Bonacini, potrebbero trovarsi in una fossa comune ”.
La famiglia Cervi che dal dopoguerra è emigrata in America, dopo avere ricevuto le prime informazioni ha rivolto però un ulteriore appello all’Associazione “Un ricordo per la pace” per proseguire la ricerca e reperire altre informazioni, magari anche solo una fotografia di Guido, dato che, come hanno scritto nella e-mail, tutte le foto-documenti–materiali che si trovavano nella loro casa a Picinisco, a causa dello sfollamento prima della guerra “were all gone”, cioè sono andati tutti persi.
Ed è in particolare questo il desiderio di questa famiglia di italo-americani: avere almeno un’ immagine di Guido, di questo parente “senza volto e senza storia”, al fine di poterne custodire la memoria.
Le ricerche quindi proseguono; sono state già contattate alcune persone residenti nel piccolo Comune del frusinate, non escludendo che qualcuno possa avere conservato per tutti questi anni qualche foto pre-guerra relativa ai componenti della famiglia Cervi, magari proprio con l’immagine del povero Guido.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.