9 dicembre 2016

Polizia di stato, un anno di attività di prevenzione e contrasto al cyber crimine

Lo sviluppo convulso delle nuove tecnologie e la loro sempre più evidente interconnessione con il quotidiano svolgersi della vita di ognuno di noi, comporta inevitabilmente la nascita di nuovi “fenomeni” criminali che attraversano il web.

E la maggior parte delle persone si scopre spesso impreparata a tener testa ai nuovi criminali.

Anche quanto avvenuto a livello internazionale, ed in special modo in Francia, ha fatto sì che venissero rimodellate le strategie di intervento e “investigativo”, dovendo far fronte, nell’ambito di una cooperazione più ampia tra i vari Uffici della Polizia di Stato, a situazioni dalla connotazione più complessa e variegata.

E’ in questo scenario che il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “Lazio” svolge la propria attività di prevenzione e contrasto al Cyber Crime.

Nel corso del 2015 l’attività preventiva, oltre che essere svolta attraverso il monitoraggio della Rete, si è svolta nelle scuole.

I poliziotti del compartimento di Roma hanno incontrato oltre   19.990 studenti – tra i 9 e i 17 anni -, 680 insegnanti e 1170 genitori, Hanno dialogato con loro e hanno insegnato loro come si naviga in modo “consapevole”.

Il contrasto alla pedopornografia online si è esteso a tutte le piattaforme che il web mette a disposizione, indagando soprattutto i luoghi virtuali, quali i social network, che più sono appannaggio dei minori, non tralasciando, comunque, le cd. “darknet”, aree profonde e nascoste del web ove sono più ampie le possibilità, da parte dei criminali, di camuffare i parametri di navigazione e le proprie identità.

43 persone sono state indagate per reati inerenti minori (adescamento on-line e produzione, diffusione e commercializzazione online di materiale pedopornografico,) effettuate 38 perquisizioni e sequestrati 44.698 Gbyte di materiale informatico

49 sono state le denunce ricevute, nel corso del 2015, sul fenomeno dell’adescamento on-line.

Nell’ambito di queste attività sono stati monitorati oltre 4600 siti Internet.

Riguardo i reati contro la persona commessi con l’utilizzo di sistemi informatici, soprattutto attraverso i Social Network e l’invio di e-mail, i casi trattati dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni “Lazio” sono stati complessivamente 715 e sono stati monitorati 415 siti internet.

Sul fronte più generale del cd.  computer crime, nel corso del 2015 questo Compartimento ha dovuto gestire un totale di 430 attacchi informatici a strutture pubbliche e private e 549 casi di Furto di identità digitale. L’attività di prevenzione è stata svolta monitorando 1545 siti web.

Riguardo al financial cybercrime, lo sviluppo che negli ultimi anni ha interessato il settore delle transazioni/vendite on line ha ampliato notevolmente la capacità di agire dei cybercriminali i quali,  sfruttando in maniera massiccia i dati che incautamente vengono riversati sul web da ignari internauti, riescono a bypassare i sistemi di controllo e sicurezza dei vari circuiti bancari, clonando ad esempio carte di credito/debito o   “catturando” i codici di accesso ai più svariati servizi online.

Nel corso del 2015 il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazione “Lazio” ha trattato 751 casi riguardanti i reati dell’area cd. “monetica”.

520 sono stati i siti Internet monitorati e 25 le persone indagate.

Nell’ambito mito del fenomeno delle truffe on-line 150 sono state le persone denunciate e 1224 i siti Internet sequestrati.

Oltre a tutti i fenomeni criminali propri della Rete, le competenze in capo alla Polizia Postale e delle Comunicazioni riguardano anche i cd. reati postali (rapine, furto di corrispondenza,  frodi ..). Nel 2015 sono stati trattati 82 casi, denunciate all’Autorità Giudiziaria 29 persone, recuperate somme di denaro per un totale di 53638 €, data esecuzione a 11 custodie cautelari ed effettuando 11 perquisizioni. L’attività di prevenzione, svolta da personale di questo Ufficio sia con auto “civetta” che con pattuglie in divisa, ha portato a 11877 controlli ad uffici postali in tutto il territorio del Lazio, identificate 1769 persone e controllati 632 veicoli.

About Emanuele Bompadre 8284 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.