3 dicembre 2016

Gigi Savoia sfida il “fuitevenne” di Eduardo

«Contro tutto e contro tutti! Noi andremo avanti e tenteremo di smentire quel grido di dolore, che poi tanto non era sbagliato, quel “fuitevenne” eduardiano. Noi tenteremo di restare in questa città, non scapperemo, per dare la possibilità ai giovani di esibirsi e di lavorare. Spargete la voce, fate in modo che questa iniziativa una volta nata non muoia. E che questi giovani possano praticare la nostra grande tradizione e portarla avanti il più possibile». Così Gigi Savoia sul palco del teatro Politeama al termine di “Tre pecore viziose”, commedia di Eduardo Scarpetta che ha dato il natali al progetto “Compagnia Stabile di Tradizione” ideato dallo stesso Savoia con Renato De Rienzo ed il supporto della famiglia Caccavale.

Lo spettacolo replicherà ancora il 1 e 2 gennaio (ore 21) ed il 3 e 6 gennaio (ore 18), e vede in scena, oltre a Gigi Savoia, Graziella Marina, Pippo Cangiano, Francesco Ruotolo e la Compagnia Stabile di Tradizione (Valeria Ariota, Gerardo Considerato, Viviana Cangiano, Raffaele Milite, Carmine Iannone, Antonella Prisco, Anna D’Auria, Chiara Mazza, Rosario Sannino). Le musiche sono di Alessandro Tumolillo, i costumi di Fortuna Di Domenico e le scene di Giuseppe Zarbo. La regia è curata da Marco Kretzmer. L’organizzazione è affidata alla Cge.

TRAMA. Le tre pecore viziose sono Fortunato, Camillo e Felice: tutti e tre sposati, che al dispetto delle mogli, se la spassano con altrettante giovanissime donne, alle quali lasciano credere di essere scapoli e di avere la serissima intenzione di sposarle. I primi due sono avanti negli anni. L’altro, Felice, ancora giovane, suscita un sentimento più reattivo e attento, insomma meno epidermico e pragmatico. Brucano ingordamente il frutto proibito anche queste Tre pecore viziose il cui “vizio” è il tentativo di una scappatella extra-coniugale non riuscita – purtroppo -; e purtroppo sia per i tre corteggiatori che per l’autore, simpaticamente complice e che, con lo stesso malincuore degli sconfitti è costretto a ricondurre l’esito sui binari della morale borghese.

BIGLIETTI E PREZZI. Presso il botteghino del teatro Augusteo in P.tta duca d’Aosta 263 (aperto dalle 10,30 alle 19,30; domenica 10,30-13,30). Intero 20€, ridotto 15€. Special price mercoledì 6 gennaio, 12€. Info 081 764 5001; 333 81 48 647; 081 414243; 081 405660. Mail stabiletradizione@gmail.com.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5928 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.