3 dicembre 2016

Roma – Aurigemma: “Il centrodestra ha messo il carro davanti ai buoi. Per vincere le elezioni serve prima un progetto e poi un nome”

Antonello Aurigemma, Capogruppo di Forza Italia alla Regione Lazio, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sulle elezioni a Roma. “Fino ad oggi c’è stata una rincorsa sui nomi delle persone e non si è parlato di programmi –ha affermato Aurigemma-. Apprezzo l’impegno di Marchini, Storace, Buttiglione, ecc… Però in tutto questo manca un programma, un progetto, degli obiettivi da raggiungere. Abbiamo messo il carro davanti ai buoi. Bisogna stilare un progetto politico per il rilancio di Roma e poi vedere chi è in grado di rappresentarlo. Prima il progetto e poi il nome. Sono contento che Marchini si voglia candidare, ma non ho ancora capito cosa propone per risolvere i problemi del trasporto, della sicurezza. Quando Marchini farà un programma e ce lo farà vedere, se coinciderà col nostro allora potremo valutare la sua candidatura. Non possiamo costruire la squadra intorno a un capitano che viene scelto prima degli altri giocatori. Il Comune di Roma deve essere amministrato da una persona d’esperienza che sia in grado di dare risposte certe”.

Sull’ennesimo episodio relativo a un bus della Cotral che ha preso fuoco. “Soltanto grazie alla prontezza dell’autista si è riusciti ad evitare una tragedia –ha detto Aurigemma-. Qui non si tratta di strumentalizzare episodi verificatisi nell’arco di poco tempo. Bisogna capire qual è la pianificazione che l’Amministratore di Cotral intende fare sul trasporto pubblico regionale. Abbiamo sentito parlare 2 anni e mezzo fa di 400 mezzi che sarebbero dovuti arrivare e non sono mai arrivati. I pendolari di Rieti e Latina lamentano cancellazioni di corse. Noi vorremmo capire insieme all’Ad di Atac che tipo di programmazione si sta facendo con i soldi risparmiati col taglio delle corse. Sono tutte cose a cui nonostante le numerose interrogazioni nell’aula consiliare non abbiamo avuto risposte. Cotral, come tutte le aziende del trasporto pubblico d’Italia, non ha un bilancio in attivo. Qui abbiamo anche una situazione in cui il parco mezzi supera di 10 anni l’anzianità media di quelli delle altre regioni. Abbiamo sollecitato più volte una proposta di legge per unificare l’agenzia del trasporto pubblico regionale che vada ad interfacciarsi con l’agenzia di trasporto di Roma Capitale per evitare il sovrapporsi di linee con un risparmio notevole. L’ad Cotral in questi anni non ha brillato per sicurezza e pianificazione”.

Fonte: Radio Cusano Campus