4 dicembre 2016

Poggio Mirteto – Allevatore finisce in carcere per un residuo di pena per estorsione

I fatti risalgono ad alcuni anni fa quando C. A. era stato denunciato nell’ambito di una più complessa attività investigativa nella quale erano emersi gravi indizi di colpevolezza per associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e all’estorsione.
L’allevatore, unitamente ad altre venticinque persone, aveva avuto un ruolo di primo ordine in seno all’organizzazione e nel corso di tale vicenda, aveva scontato una parte della pena.
Nella sentenza emessa la vigilia di natale dalla corte d’appello di Roma a seguito di processo di secondo grado, è risultato che l’uomo doveva espiare un residuo di pena di 4 mesi e pertanto nei suoi confronti, l’ autorità giudiziaria ha emesso il provvedimento restrittivo da scontare in regime di arresti domiciliari.
I carabinieri di Poggio Mirteto lo hanno individuato e portato in caserma, dove successivamente alla notifica del provvedimento e alle formalità di rito, è stato portato presso la propria abitazione per l’espiazione della pena detentiva.

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.