3 dicembre 2016

L’anno che verrà

Come ogni fine anno è tempo di bilanci e di previsioni. Soprattutto è tempo di sogni vecchi ancora da realizzare e nuovi da concretizzare. Come è stato il 2015? Come sarà il 2016? Su ciò che è stato è più semplice parlare, mentre su ciò che sarà, visto che non abbiamo sfere magiche di cristallo, bisogna ragionare sulle aspettative di ognuno di noi.

I mesi del 2015, senza dubbio, hanno scombussolato l’idea di una Europa isola felice del mondo. Charlie Hebdo e Bataclan sono nomi che fanno venire in mente il terrore e la negazione della libertà; tristi episodi che minano l’idea moderna di democrazia.

Ma il 2015 è anche l’anno del Giubileo della Misericordia, voluto dall’infaticabile pastore Francesco. Per il Papa, al di là di tutto, deve esserci sempre spazio per la misericordia. Se guardiamo, però, alle cose politiche e sociali italiche, credo che essere misericordiosi è una sfida molto difficile.

E’ difficile perché è complicato provare compassione dopo il Jobs Act che ha massacrato i diritti dei lavoratori, illudendoli con contratti a tempo indeterminato le cui uniche certezze sono i costi a carico dell’intera collettività e l’essere al servizio dell’umore del datore di lavoro.

Che pietà si può avere per una riforma istituzionale che ha delegato le nostre scelte di rappresentanza e tutela a chi sarà scelto unicamente perché consono alle direttive di una segreteria di partito? Ad essere stato abolito non è stato il Senato (a mio parere andava ridotto nel numero dei senatori e nel costo degli stessi) ma il nostro diritto di scelta. Gli 80 euro, poi, utilizzati ancora come “slogan questua”, di caritatevole non hanno nulla, e rappresentano solo un modo irrispettoso per dire “hai avuto questi quattro spiccioli, accontentati e togliti da mezzo”.

Le tasse sul lavoro cosa hanno di misericordioso? Ah, certo: favorire il lavoro nero e togliere un futuro dignitoso a quelli che saranno i pensionati del domani. Capitolo pensioni: quanta misericordia c’è negli esodati! Soprattutto quanta compassione c’è, tra Inps e varie casse professionali separate, nel massacrare i lavoratori con contributi che non verranno mai restituiti e garantiranno tutt’al più un pasto caldo alla Caritas (sempre chè non venga abolita per decreto….). Quanta misericordia c’è nelle esistenze di coloro che percepiscono una pensione minima?

C’è un dato su tutti che deve far riflettere su quanto ci tocca essere misericordiosi: secondo l’Istat il 2015 si chiude con 68.000 morti in più rispetto all’anno precedente. Un dato allarmante, perché ci fa tornare indietro alla seconda guerra mondiale. A furia di tagliare la sanità, non c’è più prevenzione; quando questa manca, non c’è scampo neanche per i giovani. Se non sei amico degli amici, non c’è misericordia alcuna, neanche per far morire dignitosamente gli ammalati terminali.

Le nostre città sono sempre più delle piccole Pechino, dove lo smog è il grigio compagno quotidiano. Invece di puntare sulla green economy, sul fotovoltaico, sull’eolico, sull’idroelettrico, di rivedere i mezzi di riscaldamento domestico, chiudere le centrali a carbone, si preferisce mortificare gli automobilisti con le targhe alterne. Gli automobilisti saranno di sicuro misericordiosi nell’utilizzare gli efficentissimi mezzi pubblici.

C’è così tanta misericordia nelle buste paga che a furia di stringere la cinghia c’è sempre meno spazio per le medicine mentre aumenta quello per il junk food. C’è stato un referendum che di misericordioso ha stabilito che l’acqua deve rimanere pubblica. Bene, riusciremo ad essere riconcilianti con chi vuol privatizzare un elemento così importante, sempre più vittima di industrie inquinanti e maghi dei rifiuti?

L’attuale classe governativa, il cui premier non è stato eletto, frutto di una maggioranza che vede il Pd associato con donne e uomini eletti nelle liste berlusconiane e montiane, tra un decreto salva banche e taglia tasse su yacht e imbarcazioni di lusso, si sgola per osannare un mezzo punto di percentuale in più di PIL. Vogliono a tutti i costi festeggiare un funerale.

L’analisi vera andrebbe fatta non sulla fine della crisi ma su come ne siamo usciti come società civile. La classe media, di fatto, non esiste più, e la forbice tra chi è ricco e povero è aumentata di molto. L’ascensore sociale, poi, è bloccato ai piani bassi, mentre il diritto allo studio è un privilegio per chi ha la fortuna di essere nato in una famiglia ricca.

Il 2015, nonostante tutto, è stato un anno che mi ha regalato la serenità che avevo smarrito; vi scrivo queste parole per ricordarvi che non bisogna essere misericordiosi di fronte a questi dati. Necessita, anzi, essere dei bravi cittadini. Cittadini che non si arrendono di fronte a tali ingiustizie e che in maniera pacifica lottano contro un sistema che li vuole sempre più poveri, sia culturalmente sia economicamente. Auspico a tutti voi di essere nel 2016 dei cittadini disposti a far valere in ogni sede le vostre ragioni. Amen!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.