8 dicembre 2016

Roma – Quando al teatro si valorizzano idee, progetti e talenti

 

Lo spettacolo “Sister Act” al Brancaccio sta riscuotendo un grandissimo successo: un altro traguardo importante raggiunto dallo storico teatro di via Merulana che riesce sempre a proporre eventi di elevato livello artistico e culturale. Per il direttore artistico, Alessandro Longobardi, la priorità assoluta va alla valorizzazione di idee, progetti e talenti. Quindici anni al Teatro dell’Opera sono stati per Longobardi (patron anche della Sala Umberto) una palestra professionale importante per diventare tra i più validi e competenti manager nella direzione artistica. Malgrado le difficoltà che il settore artistico privato incontra per affrontare esorbitanti costi di gestione, non supportati dalla politica. Quasi un azzardo gestire in proprio un teatro di questa portata. Perché dietro due ore di spettacolo ci sono sempre elevati costi. Ma senza figure come Longobardi, non ci sarebbe spazio in Italia per la cultura e per la valorizzazione dei giovani talenti. Sister Act, tratto dall’omonimo film del ’92 che consacrò al cinema l’attrice Whoopi Goldberg, sarà di scena a Roma fino al prossimo 24 gennaio. E’ un progetto firmato da Viola Produzioni in collaborazione con la Compagnia della Rancia. Il successo del Musical è merito anche dell’attenta e meticolosa regia di Saverio Marconi che porta in scena  un prodotto che riesce sempre ad appassionare e divertire, tra ritmi incalzanti, colpi di scena e musiche coinvolgenti, effetti scenografici e giochi di luce, con un intreccio di dialoghi ben costruiti (il testo e le liriche sono tradotti da Franco Travaglio). Il ruolo di Monsignor O’Hara è interpretato da Pino Strabioli, poliedrico interprete con una brillante carriera come regista, autore, attore e conduttore televisivo.

“L’arte è espressione, tradizione, storia – afferma Pino Strabioli – quindi il teatro è vita: un patrimonio da tutelare, logorato invece da chi non riesce o non vuole capire l’arte. Una città senza teatro sarebbe una città senza vita e senza cultura: il teatro non è un prodotto di nicchia, ma è cultura per tutti e avrebbe bisogno, come tanti settori, di risorse economiche. Grande onore ai direttori artistici che, senza aiuti statali, riescono a proprio rischio a lavorare e a mettere in scena queste produzioni: Alessandro Longobardi investe direttamente in prima persona per sostenere uno spettacolo che coinvolge sessanta persone con costi elevati di gestione. Lo Stato allora non deve abbandonare chi investe sulla cultura, perché proprio la cultura può essere l’elemento chiave con cui uscire dalla crisi economica e d’identità del nostro Paese. La vivacità culturale di ogni nazione è una prerogativa fondamentale. Per crescere tutti insieme. In ogni settore”.

Marco Tosarello