7 dicembre 2016

Fiumicino – Festeggiato al Leonardo da Vinci il 40 milionesimo passeggero del 2015

E’ stato celebrato oggi il 40 milionesimo viaggiatore transitato quest’anno nello scalo Leonardo da Vinci. Il passeggero è stato accolto con un brindisi al gate di imbarco del volo serale per Pechino, operato dalla compagnia aerea Air China, da Marco Gobbi, route manager sviluppo Marketing Aviation di ADR e da esponenti del vettore cinese.

La compagnia di bandiera della Repubblica Popolare Cinese, primo vettore aereo a collegare l’Italia alla Cina dal 1986, nel 2016 celebrerà l’anniversario dei 30 anni sul mercato italiano. Il vettore è infatti l’unica compagnia cinese, e una delle poche al mondo, a collegare tutti i continenti.

Riguardo il traffico, l’aeroporto di Fiumicino è cresciuto di circa il +5% rispetto al 2014 e nel 2015 sono stati inaugurati 50 nuovi voli, di cui 12 di lungo raggio, per un totale di 20 nuove destinazioni raggiunte direttamente dallo scalo romano.

Il Leonardo da Vinci è il primo aeroporto al mondo ad essere ufficialmente accreditato come “Welcome Chinese Airport”, certificazione che attesta la conformità dello scalo ai requisiti di accoglienza definiti dalla China Tourism Academy. Ad oggi, infine, 30 sono i voli settimanali diretti che collegano Fiumicino alla Greater Cina: 6 vettori operanti verso 7 destinazioni cinesi, oltre a Hong Kong e Taiwan. L’aeroporto si conferma così il primo scalo in Europa, insieme al Charles De Gaulle di Parigi, per numero di città cinesi collegate, e l’unico aeroporto dell’Unione Europea che accoglie tutti i principali vettori cinesi. Un primato che assicura diretta accessibilità da Roma a tutte le principali città cinesi e che conferma la leadership di Fiumicino in questo segmento di mercato, nonché l’attrattività di Roma e del suo aeroporto per i passeggeri provenienti dall’Estremo Oriente.

About Emanuele Bompadre 8259 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.