4 dicembre 2016

Indagine Kaspersky Lab: gli utenti compromettono la propria sicurezza online condividendo le password

Secondo un’indagine di Kaspersky Lab quasi la metà degli utenti Internet (44%) ammette di aver condiviso le proprie password con qualcuno o di averle lasciate incustodite. Questo dimostra una scarsa competenza digitale che facilita le attività dei criminali informatici e l’accesso alle vite digitali degli utenti.

Quando è stato chiesto agli utenti quanto fossero importanti le password, gli intervistati hanno risposto che password forti sono necessarie solo nel caso di utilizzo di servizi online più importanti. Dall’indagine è emerso che secondo gli utenti, necessitano maggiormente di password forti i siti di: online banking (54%), email (44%) e social media (24%).  L’elenco delle tre applicazioni più importanti è quasi identico ed include online banking (53%), email (43%) e social media (21%).

Gli utenti ritengono inoltre che lo shopping online e le applicazioni per i pagamenti richiedano password forti, ma non prestano la stessa attenzione a questi siti. Solo il 29% considera lo shopping online un servizio molto importante, anche se più di un terzo (38%) ha ritenuto giustificata una password forte. Inoltre, il 29% si ritiene d’accordo sulla necessità di password complesse per i servizi di pagamento online, con un 23% che considera questi servizi preziosi.

La cosa più preoccupante è che sebbene gli utenti siano d’accordo sulla necessità di avere password complesse per le transazioni finanziarie online, più di un quarto (29%) pensa che non sia necessario avere un’ulteriore protezione per le proprie credenziali personali utilizzate per accedere a questi servizi. Si aspettano che a fornire la protezione necessaria ci pensi la piattaforma utilizzata per l’acquisto.

Un terzo degli utenti Internet (33%) ammette, inoltre, di condividere liberamente le password con i membri della propria famiglia, mettendo ancora più a rischio le proprie informazioni riservate. Il 44% oltre a condividere le password, le lascia visibili ad altri, mentre un utente su dieci (11%) le mostra ad amici ed un sorprendente 6% anche ai colleghi. C’è poi più di un terzo degli intervistati (38%) che usa un solo indirizzo email per tutte le esigenze, rivelando la password ad altri nonostante questo potrebbe rivelarsi pericoloso: nelle mani sbagliate la password potrebbe dare accesso a tutte le informazioni archiviate sull’ indirizzo email in questione.

Gli utenti dovrebbero dimostrarsi un po’ più “cyber-esperti” quando si tratta delle proprie password. Una volta condivise è difficile sapere in quali mani finiranno. La nostra ricerca dimostra che c’è un forte divario tra la consapevolezza di aver bisogno di password complesse e le azioni che poi vengono intraprese per tenerle al sicuro. Nessuno si aspetta che un amico o un membro della famiglia divulghi la password consapevolmente; ma condividendole gli utenti aumentano il rischio di farle cadere nelle mani sbagliate. I criminali informatici avrebbero un facile accesso alle informazioni personali e finanziarie e potrebbero utilizzare gli account violati per diffondere link e file infetti e dannosi, danneggiando altri utenti e mettendo a rischio molte identità. Anche le password più complesse sono deboli se rese visibili ad altri, quindi tenetevele per voi”, commenta Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia.

Per aiutare gli utenti a mantenere le proprie password inviolate, Kaspersky Password Manager (che fa parte di Kaspersky Total Security – Multi-Device) mette a disposizione uno strato di protezione aggiuntiva per archiviare in sicurezza le password e sincronizzarle su tutti i dispositivi. Il prodotto ricorda e genera password complesse e ha proprietà di auto login per un accesso più sicuro ad applicazioni, account e siti web di valore.

E’ possibile verificare il vostro livello di “cyber-esperto” all’indirizzo: https://blog.kaspersky.it/cyber-savvy-quiz/. E per saperne di più su come proteggersi online è possibile collegarsi a questo link: https://blog.kaspersky.com/tag/cybersavvy.