3 dicembre 2016

Targhe alterne a Roma, Bellaroto: “Stanno ammazzando l’economia della nostra città”

Giovanna Marchese Bellaroto, Presidente CNA Commercio Roma e AssoCommercio RomaNord, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Secondo i commercianti capitolini, il provvedimento deciso dal commissario Tronca sulle targhe alterne, a 48-72 ore dalla vigilia di Natale, è “l’ultima mannaia che si abbatte sui consumi”. Lo conferma la Presidente Bellaroto. “Roma si è classificata al 4° posto nella graduatoria delle città più inquinate –ha spiegato Bellaroto-. I sindaci delle città che ci precedono in questa lista, non hanno preso provvedimenti di questo tipo a dicembre. Alcuni dei provvedimenti di assistenza a quello delle targhe alterne, ci siamo permessi di sottoporli a Tronca. Una fonte di questo inquinamento sono le emissioni del riscaldamento. Tronca ci ha ascoltato su questo, ma non ha ascoltato il nostro grido di dolore. Qui non si parla solo di centro storico, ma di tutta la città inserita nella fascia verde. E’ il grido di dolore di una città che sta perdendo un’economia importante, che non ritorna nell’arco dell’anno, se non il prossimo Natale. Quello che si spende per i regali natalizi non si spende nel resto dell’anno. Quelli che come me oggi stanno dentro i negozi sono quei pochi che, rispetto ai tanti che hanno già chiuso, stanno ancora lavorando. Se il commissario avesse ritenuto così fondamentale questo provvedimento delle targhe alterne, avrebbe dovuto creare una mobilità alternativa con delle navette tra i quartieri satelliti del centro. L’impianto della mobilità a Roma invece è stato rivisto sopprimendo diverse linee. La gente oggi aspetta anche tre quarti d’ora un autobus. I quartieri non baciati dalle metropolitane hanno una limitazione fortissima negli spostamenti. Quello che si è perso come fatturato si è perso, non si recupera. Le persone sono state spinte a spostarsi verso l’esterno ai centri commerciali. Stare dentro la fascia verde è un grosso danno. Abbiamo monitorato i nostri negozi da settembre. Da settembre è cambiato l’umore dei clienti e dei negozianti perché si era finalmente fermato un segno meno. Nel mese di dicembre si fa il 40-50-60% del fatturato di tutto un anno. Si è dovuto comprare per avere un assortimento e quello che è invenduto lo dobbiamo pagare, non lo possiamo restituire. Se non supportiamo quella positività con politiche di supporto agli acquisti dentro la città, non possiamo pensare che dicembre vada  meglio dell’anno scorso. Quest’anno abbiamo già perso 100 milioni di euro solo a Roma. Stanno ammazzando l’economia della nostra città, questo è il dato che dovrebbe preoccupare tutti”.

Fonte: Radio Cusano Campus