7 dicembre 2016

Giuseppe Civati, leader di “Possibile”, a Radio Cusano Campus

Giuseppe Civati, deputato ex Pd e ora leader di “Possibile”, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it), in merito alle elezioni politiche in Spagna.

Renzi e la Boschi continuano a dire cose sbagliate – ha affermato Civati – Se ci fosse l’Italicum in Spagna, Podemos e Ciudadanos non andrebbero al ballottaggio ma avrebbero ancora meno rappresentanza in parlamento rispetto a quella che hanno ora. Una dimostrazione del fatto che l’Italicum distrugge la rappresentanza”.

Le lezioni che arrivano dal voto spagnolo.I partiti storici non si sono riformati – ha spiegato Civati – hanno scelto di tenere un profilo consociativo e sono stati puniti. Sia il partito di Rajoy amico della Merkel, sia il partito di Sanchez, amico di Renzi, hanno perso tantissimi voti in favore di due movimenti:Podemos a sinistra e ciudadanos al centrodestra. Quando i partiti non cambiano producono un rifiuto un dissenso che spesso si traducono in termini elettorali. Podemos ha virato verso una prospettiva di governo, ha parlato di un patto di governo. Secondo me il patto quando è costituzionale non è un inciucio, è un compromesso tra le persone, sul futuro. Non è un proposta di governo o di dibattito che prevede la rinuncia ai propri valori. Podemos ha scelto di presentarsi col proprio simbolo in alcune regioni, in altre si è affidata a simboli che non erano propriamente suoi, una politica che si afferma anche perché riconosce di non bastare a se stessa. Una formula che allarga e coinvolge soggetti diversi è un esempio anche per la sinistra italiana”.

Tsipras, l’esperienza portoghese, e ora questo risultato in Spagna possono contribuire ad un cambiamento di percezione politica anche rispetto all’Unione Europea. – ha aggiunto Civati – Quel dissenso in Italia ha trovato rappresentanza nel M5S. Ai tempi avevo cercato di dire al Pd che allearsi con Berlusconi per mantenere il potere sarebbe stata una situazione che prima o poi gli sarebbe scappata di mano. Il Pd si dichiara ancora di sinistra anche se stanno scappando tutti. Sinistra italiana deve decidere se mollare il Pd. Perché a Milano stiamo ancora discutendo di primarie con dentro Pisapia. Dobbiamo essere un soggetto autonomo, plurale. C’è chi vuole fare un partito del 900 che parte dal gruppo parlamentare, a me non piace”.

M5S evita riferimenti alla sinistra? Loro hanno bisogno di tenere insieme anche gli elettori di destra, loro sono trasversali. – ha detto Civati – Il problema però rimane: il M5S che linea economica ha? Sull’immigrazione come la pensa? Queste contraddizioni alla fine potrebbero emergere”.

Un’ultima battuta Civati la dedica a Renzi che ha sottolineato come l’austerità abbia fatto perdere consenso al governo Rajoy. “Renzi prende distanze da Rajoy che sta facendo quello che dice la Merkel. Ma è esattamente quello che fa Renzi, allora vuol dire che lo sa anche lui che è sbagliato fare così“, ha affermato Civati.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=486&dl=5980

Fonte: Radio Cusano Campus