9 dicembre 2016

Francesco e i poveri nel Natale della misericordia

Un Natale incastonato in un Anno Santo che, con il suo pressante appello alla misericordia, invita i cristiani a cercare con più attenzione Gesù Bambino nelle “mangiatoie” di periferia, quelle dove di solito la luce colorata di una luminaria non arriva né danzano i babbi natali canterini ai lati delle vetrine – nelle case anziani, in qualche mensa per i poveri, nelle baraccopoli in cui gli immigrati provano a ritrovare la parvenza del calore domestico. “Se vuoi trovare Dio, cercalo nell’umiltà, cercalo nella povertà. Cercalo dove Lui è nascosto: nei più bisognosi, nei i malati, negli affamati, nei carcerati”, ha detto il Papa l’altro giorno aprendo la Porta della carità all’Ostello Caritas accanto alla Stazione Termini.

Avrà questo nel cuore Francesco quando alle 21.30 del 24 dicembre salirà sull’Altare in San Pietro per la Messa solenne della Natività e quando il giorno dopo si affaccerà a mezzogiorno dalla Loggia centrale della Basilica Vaticana per impartire la Benedizione natalizia Urbi et Orbi.

Intanto, i palinsesti dei broadcaster mondiali si organizzano per fare spazio alle celebrazioni papali. Il 24, nella Sala Marconi della nostra emittente, ore 11.00, si terrà un briefing per i telecronisti della mondovisione sulle cerimonie pontificie del tempo di Natale, che comprendono anche l’Angelus del giorno di Santo Stefano e la celebrazione dei Primi Vespri e del Te Deum in ringraziamento per l’anno trascorso, che Papa Francesco presiederà mercoledì 31 dicembre alle 17, sempre in San Pietro.
(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.