9 dicembre 2016

Sanità, Dott. Lala: “Assunzioni medici? Bene, ma basta col precariato”

Il Dott. Roberto Lala, Presidente Ordine dei Medici di Roma, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Genetica oggi”, condotta da Andrea Lupoli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

I medici prestati alla politica divenuti ministri. “Non hanno mai fatto bene –ha affermato Lala- perché il medico, per quanto possa essere bravo e preparato professionalmente, quando assume un ruolo politico entra in un ruolo che non è prettamente il suo. E’ un tecnico, ma non sa svolgere quella funzione politica che serve per governare un sistema complesso come quello della Salute. E’ un campo vastissimo. E’ difficile coniugare il ruolo politico con quello tecnico e quello specifico della mia professione”.

Dal governo via libera a 6000 assunzioni di medici e infermieri su tutto il territorio nazionale. “E’ una speranza –ha dichiarato Lala-. Spero che il governo abbia trovato lo strumento per reinserire quelle forze che sono indispensabili per ricostruire il Sistema Sanitario. A me interessa soprattutto un principio: per poter lavorare il precariato non può essere lo strumento. In qualunque lavoro e soprattutto in quelli in cui ci si deve predisporre in modo professionale dal punto di vista non solo fisico ma anche psicologico, non si può stare sempre col posto di lavoro in bilico. Se dobbiamo dare dei contratti a tempo determinato per un breve lasso di tempo per poi passare a quelli a tempo indeterminato,  va bene. Se invece questo tempo determinato diventa una soluzione che viaggia negli anni allora non è più condivisibile.

Errori dei medici. “Spesso dei piccoli errori diventano dei castelli perché dietro c’è qualche avvocato che vuole arricchirsi. Quando ci troviamo dei dati statistici che ci dicono che il 95% delle cause penali contro medici si traduce in nulla, è evidente che dietro c’è una spinta legata a un desiderio risarcitorio oltre le normali aspettative. Sono percentuali che rasentano il paradosso, è evidente che dietro c’è qualcosa. Adesso sta andando avanti il Ddl sulla responsabilità professionale civile e penale, ma quelli sono provvedimenti che i nostri legislatori dovrebbero portare avanti in tempi più rapidi, perché tutelano il sistema in generale. E’ inutile dire abbiamo 10 miliardi di spreco per la medicina difensiva, ma se poi ci metti 10 anni a fare un Ddl sulla responsabilità professionale civile e penale, allora è inutile che ne parliamo”.

Fonte: Radio Cusano Campus