11 dicembre 2016

Il Consiglio Comunale ha approvato l’assestamento di Bilancio

Il Consiglio Comunale, dopo aver ascoltato la relazione dell’assessore al Bilancio Palma, ha dibattuto sulla delibera 786 di assestamento di bilancio , approvandola poi con appello nominale (23 sì e 3 no). Un intervento del Sindaco de Magistris ha concluso questa parte dei lavori, che proseguono con la trattazione delle altre delibere iscritte nell’ordine dei lavori.

Introducendo la delibera sull’assestamento di Bilancio, l’assessore Palma ha spiegato che l’assestamento del Bilancio di previsione, che il Consiglio approvò ad agosto di quest’anno, è influenzato dal cambiamento nelle regole della contabilità degli enti locali: con l’introduzione dei principi dell’armonizzazione contabile e della competenza potenziata. Il Comune, già con il riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi effettuato nel 2015, il rendiconto relativo al 2014 e con lo stesso bilancio previsionale 2015, ha fatte proprie le nuove regole. Pur subendo un ulteriore taglio dei trasferimenti statali di 51 milioni, il Comune sta dimostrando di continuare l’opera di risanamento rispettando gli obiettivi prefissati. Nel secondo anno di attuazione del Piano di riequilibrio pluriennale, che sicuramente dovrà essere riaggiornato, verificato che si è ridotta l’entità del debito da riassorbire, l’assestamento di Bilancio 2015, ha continuato l’assessore, evidenzia due importanti novità, e cioè il recupero dall’evasione, maggiore del previsto, e l’emersione di ben 34 milioni derivanti da canoni per occupazioni abusive del patrimonio comunale, entrate che non erano state mai accertate nelle precedenti gestioni. Queste risorse, con l’assestamento, sono utilizzate per: ripianare le perdite di alcune partecipate: la maggiore entità per Asia, con un deficit di 2,5 milioni, per Napoli Sociale, per 3 milioni di euro, e per Anm che viene messa in sicurezza con 13 milioni di euro, con 5 milioni in più di quanto previsto nel previsionale. Altre voci che vengono implementate con l’assestamento sono quelle destinate alle politiche per i minori, ad interventi nell’edilizia cimiteriale, alla refezione scolastica nella VII Municipalità, alle spese per le forniture elettriche e, infine, alle agevolazioni Cosap. Infine, con l’assestamento, si aumenta il Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità che il Comune è tenuto ad appostare per obbligo di legge.
Il dibattito ha visto gli interventi dei consiglieri: Fiola (PD) che ha chiesto chiarimenti sul mantenimento del contributo per i trasporti a favore dei pensionati e di altre categorie disagiate; Frezza (IDV) che ha ricordato che la questione è stata già affrontata in commissione Bilancio; Vasquez (SiM) per il quale è negativo il decremento dei fondi per la cultura; Lettieri (Liberi per il Sud) che ha criticato l’affermazione che vedrebbe il disavanzo diminuito di 600 milioni e le entrate aumentate, mentre il piano di dismissione resta fermo e non sono state comunicate nei contenuti le osservazioni della Corte dei Conti; Coccia (FdS) che ha espresso analoghe preoccupazioni per i tagli operati alle spese per la cultura; Borriello (PD) che ha rilevato la mancanza di interventi sui settori fondamentali della macchina amministrativa.
L’Assessore Palma, nel corso di una breve replica, ha risposto alle questioni sollevate, chiarendo che il meccanismo della competenza potenziata prevede che coincidano previsioni e cassa, e che quindi il contributo per le agevolazioni del trasporto sarà oggetto di un incontro con l’Assessora al Welfare e l’Anm. Non esistono invece decrementi alla spesa per la cultura, alla quale sono destinati tutti gli introiti della tassa di scopo, rispetto al bilancio di previsione, ma, eventualmente, solo modifiche alle imputazioni di spesa. La riduzione del disavanzo non può essere messa in discussione, mentre per gli incassi della lotta all’evasione va precisato che si tratta di nuovi spazi prima non censiti che garantiranno introiti non previsti. Rispetto ai rilievi mossi al piano di dismissione, una delle leve del piano di risanamento, non c’è bisogno di ricorrere massicciamente a questa voce perché il Comune sta portando avanti con altre leve il piano di risanamento, sul quale ha smentito che vi sia stato un qualche intervento da parte della Corte dei Conti, che ha invece chiesto chiarimenti, che saranno forniti, sul rendiconto 2013. Bisogna avere una visione strategica per migliorare la riscossione e a breve sarà presentata la società comunale alla quale sarà demandato questo compito, con sicuri miglioramenti delle performance della riscossione. L’Assessore ha ripercorso i positivi risultati del piano di riorganizzazione delle partecipate, mentre sulle agevolazioni Tari, dopo aver precisato che le delibere relative sono state incardinate nei tempi previsti dalle norme, ha ribadito che sarà fatta l’istruttoria entro il 2015 sulle ulteriori agevolazioni che saranno concesse come decurtazioni sulla tassa 2016.
Per dichiarazioni di voto è intervenuto il consigliere Fiola, dopodiché il presidente ha dato lettura di due documenti, sottoscritti da tutti i gruppi, che saranno allegati alla delibera, riguardanti fondi per contributi e destinazione a Anm e politiche sociali di avanzi di amministrazione allocati nel fondo crediti di dubbia esigibilità.
La delibera 786, su richiesta del consigliere Palmieri (NCD) è stata votata per appello nominale ed ha riportato 23 voti favorevoli, 3 contrari.
Il Sindaco ha chiesto la parola ed ha ringraziato per i contributi venuti dal Consiglio, maggioranza e opposizione; oggi è stata di nuovo messa in sicurezza la città, rafforzando le funzioni di servizio, ponendo un ulteriore tassello nel percorso di risanamento messo in atto insieme, da Amministrazione e Consiglio. Il Sindaco ha però polemizzato con l’opposizione dicendo sì alla critica ma no allo stravolgimento della verità: non si possono prendere lezioni di politica e di buona amministrazione da chi in vari modi e forme ha massacrato in venti anni le istituzioni pubbliche, le partecipate e portato la città sul limite del fallimento. Ha concluso invitando a leggere la relazione della sezione autonomie della Corte dei Conti che dà atto della trasparenza con cui l’amministrazione ha operato. Dicendosi molto soddisfatto perché alla fine del mandato consegneremo a chi verrà un Comune solido e rispettato in tutta Italia e questo ci motiva ad andare avanti.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.