6 dicembre 2016

Fiumicino – Il Leonardo da Vinci diventa aeroporto Gourmand per un giorno

Lo chef Gianfranco Pascucci e i prodotti laziali sono stati protagonisti del cooking show che si è svolto oggi, per il secondo anno consecutivo, a Terrazza Roma, il mezzanino del Terminal 3 – area partenze – dell’aeroporto Leonardo da Vinci. I passeggeri presenti hanno potuto degustare un menù d’eccezione, basato sulle eccellenze agroalimentari del Lazio preparate da Pascucci, che grazie alla ricerca sui prodotti e alle raffinate tecniche di gastronomia adottate, è stato insignito nel 2012 della prestigiosa stella Michelin.

Un vero e proprio un viaggio culinario “made in Lazio” in bilico tra fantasia e tradizione, tra semplicità e ricercatezza reso possibile anche dalla collaborazione con ARSIAL, l’Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio, che con la sua politica agraria di qualifica e valorizzazione delle produzioni agricole ed agroalimentari, promuove nel mondo le eccellenze gastronomiche del territorio.

Un’agricoltura pulita e sostenibile è l’obiettivo anche del progetto Terre dell’Oasi, promosso da WWF Oasi e dalle Cooperative delle Oasi aderenti a Legacoop, nato per difendere la biodiversità e i paesaggi agrari e per sostenere, attraverso la vendita diretta dei prodotti,  la gestione delle Oasi e dei progetti di conservazione che si svolgono al loro interno. I passeggeri in transito hanno così potuto conoscere l’iniziativa attraverso l’esposizione di
olio, pasta, riso, farro, pomodoro, vino, sale e miele biologici provenienti dalle aree protette delle oasi del WWF.

L’evento fa parte delle iniziative natalizie che ADR mette in campo ogni anno per rendere il tempo di permanenza in aeroporto sempre più a misura di passeggero. Fiumicino orami non è più considerato solo come mero luogo di transito, ma è diventato elemento essenziale e fondante dell’esperienza di viaggio.

About Emanuele Bompadre 8233 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.