11 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Mancini: “Sarà una gara durissima”

Nella consueta conferenza stampa della vigilia, Roberto Mancini ha risposto alle domande dei giornalisti nella sala stampa del centro sportivo ‘Angelo Moratti’ di Appiano Gentile.

Il match con la Lazio è l’ultimo dell’anno, ma il mister non teme distrazioni: “Quella passata è stata la settimana che porta al Natale e come tutti gli anni abbiamo festeggiato in società. Siamo concentrati sulla partita perché la Lazio ha valori importanti, è un po’ in difficoltà ma dovremo essere perfetti e non concedere nulla. Biglia, Candreva e Anderson sono giocatori fondamentali e che fanno la differenza. Averli tutti in campo è importante per lo spettacolo”.

L’ambiente è stato fin da subito un punto di forza dell’Inter: “Chiaro che per ricostruire e raggiungere qualcosa di importante tutti gli aspetti devono essere in sintonia: squadra, staff, dirigenti, tifosi. Se c’è armonia, questo può essere di grande aiuto per andare avanti. Si possono passare momenti di difficoltà, in quei frangenti è importante avere un gruppo sano, che ha fiducia. I tifosi sono importanti, avere tanti tifosi allo stadio aiuta la squadra ad esprimersi al meglio”.

Dopo una partenza a rilento, la Juventus si è rifatta sotto alle posizioni di vertice della classifica: “Hanno infilato una serie di vittorie che l’hanno riportata a contatto. All’inizio erano in difficoltà perché hanno cambiato tre giocatori importanti e chi li ha sostituiti ha avuto bisogno di conoscersi”.

L’assenza degli impegni di coppa in stagione è stato un piccolo vantaggio per i nerazzurri: “In parte ci può avere aiutato perché abbiamo lavorato un po’ di più durante le settimane. Non giocando sempre hai questo vantaggio”.

A fine anno è tempo di bilanci: “La soddisfazione più grande è il lavoro che abbiamo fatto ed essere riusciti a risalire velocemente. La delusione? Il piccolo infortunio al menisco di ieri mattina”.

Ambiente con tanti stranieri: “È una situazione comune all’Inter, ormai i giocatori che sono qui hanno giocato in Italia da diversi anni e non hanno avuto difficoltà di inserimento. Oggi è difficile trovare una squadra di soli italiani. Con Nagatomo ci troviamo benissimo, è un grande professionista, è sempre pronto quando va in campo. Oltre a essere un bravo giocatore che può ricoprire diversi ruoli”.

A proposito di mercato: “A gennaio se non avremo giocatori in uscita non credo che faremo acquisti. Brozovic è giovane, quando l’abbiamo preso eravamo sicuri delle sue qualità. Sta iniziando a diventare molto bravo: inizia a fare gol, ha qualità, tantissima corsa, ma è giovane e può ancora alternare momenti buoni a meno buoni. Ma un giocatore che entra e cambia la partita è fondamentale”.

Infine, quattro giocatori che saranno in campo domenica: “Handanovic, Miranda, Murillo, Medel, Brozovic”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.