3 dicembre 2016

Allegri: «Un solo un obiettivo, vincere»

«Domani abbiamo solo un obiettivo: vincere». Massimiliano Allegri non usa mezzi termini alla vigilia dell’ultima gara dell’anno e non potrebbe essere altrimenti. La Juve, contro il Carpi, deve centrare il settimo successo consecutivo, per non «vanificare quanto fatto finora. Veniamo da un periodo di vittorie importanti – ricorda il tecnico – ma non scordiamoci che abbiamo perso molti punti con le cosiddette piccole. È una gara di grande responsabilità e non possiamo assolutamente sbagliare. La partita prima di Natale è come la prima di campionato o come quella dopo la sosta: può sempre riservare trabocchetti, ma avendo una squadra di persone responsabili sono sicuro che approcceremo al meglio la gara».

La Juve del resto ha dimostrato di essere cresciuta, come condizione, acume tattico e mentalità. E questa è una vittoria del tecnico, che anche nel momento più delicato della stagione non ha mai smesso di credere nei suoi uomini e nelle loro possibilità di rimonta: «Credevo e credo in questa squadra e in quello che faccio. Quando le cose andavano male, l’obiettivo era migliorare e dare omogeneità alla squadra. In questo momento stiamo bene fisicamente e questo è merito di tutto lo staff. Non ci sono segreti, ma ci sono il lavoro e l’equilibrio… Del resto, o avevamo sbagliato a inizio stagione a dare giudizi sulla squadra o altrimenti le cose si sarebbero sistemate, senza farsi prendere dalla depressione o dall’entusiasmo».

Insomma, ancora una volta Allegri predica moderazione nei giudizi. E se ora quelli relativi alla Juve sono esaltanti, quelli su altre candidate allo scudetto come Roma o Napoli sembrano eccessivamente critici: «La Roma non è tagliata fuori, ha passato il turno in Champions ed è ancora in corsa per il campionato. Ha valori importanti come il Napoli e le ritroveremo a lottare per lo scudetto. Chiaro che, quando la Juve torna dove le compete gli altri iniziano a preoccuparsi anche se, soprattutto l’Inter, stanno facendo un grande campionato. I nerazzurri stanno facendo bene, hanno una rosa importante, un buon mix di fisicità e tecnica, un allenatore che ha vinto e sono gli unici a non giocare le coppe e questo può essere un vantaggio. Il campionato probabilmente si deciderà alla penultima o all’ultima giornata. Noi dovremo esserci e cercare di rendere il 2016 migliore degli ultimi mesi del 2015».

Un 2015 che è stato comunque «ricco di soddisfazioni, ma ormai sono passate, anche se rimarranno nella storia della Juventus. Il momento che ricordo? L’immagine della palla arrivata a Tevez al limite dell’area durante la finale di Berlino. Poteva essere il match ball…».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.