10 dicembre 2016

Sarri: a Bergamo banco di prova per la nostra continuità

Il tecnico azzurro: giochiamo contro un avversario forte in casa e su un campo storicamente duro. Sfida apertissima

“Domani a Bergamo sarà un bel banco di prova per testare la nostra continuità”. Maurizio Sarri come al solito diretto e incisivo nel presentare la vigilia del match con l’Atalanta. Su un campo che quasi mai negli ultimi anni ha sorriso agli azzurri.

Mister come si ritorna in trasferta dopo la sconfitta di Bologna?

“Bisogna considerare che sulle ultime 9 partite ne abbiamo vinte 7, non capisco perché soffermarsi solo sul Bologna. Si riprende sapendo che andiamo in casa di una delle squadre top come rendimento casalingo perché hanno conquistato 16 punti in 7 partite. E’ campo difficilissimo e la difficoltà è acuita dalla tradizione perché questo è un terreno sempre ostico per il Napoli storicamente. Ma siamo anche consapevoli che se ci esprimiamo come sappiamo fare possiamo certamente giocarcela”.

Che atteggiamento si aspetta da parte dell’Atalanta?

“Non credo che troveremo una squadra che si difenderà e basta. Hanno numeri talmente importanti in casa che vorranno dimostrare il loro valore. Quindi mi aspetto una gara aperta ad ogni risultato”.

Qual è l’obiettivo del Napoli in questo campionato?

“Per ora è solo fare una grande partita a Bergamo ”.

Si dice che il Napoli abbia avuto difficoltà ad andare in porta nelle ultime due partite di campionato:

“Il nostro attacco ha numeri impressionanti, il nostro parco offensivo ha segnato 43 gol, poi se non trovi spazio contro squadre chiuse è difficile per tutti. Se migliorare i numeri di attacco significa diventare più vulnerabili dietro, allora non sono d’accordo. Abbiamo trovato un equilibrio tattico e su questo dobbiamo lavorare”

Higuain e Reina hanno mostrato grande ambizione parlando di sogni per il 2016:

“Le nostre ambizioni le detterà il percorso che gradualmente faremo. La strada per noi è lunga, stiamo facendo bene, ma da qui a dire dove possiamo arrivare è arduo. Il sogno è la benzina delle motivazioni, ed è bello averne. Poi però c’è il riscontro della realtà. Al momento è già un motivo di vanto essere tra i primi posti della classifica. Vicino a noi ci sono squadre di grandissimo valore. La Juve è vice campione d’Europa, arriva da 4 scudetti ed ha abitudine a vincere. L’Inter è la regina del mercato. Noi per stare lassù dobbiamo fare cose straordinarie”.

Domani ci sarà turnover?

“Beh, vedremo. Di certo c’è stata una rotazione forte per la gara di Europa League e molti hanno 95 minuti nelle gambe. Si dice che al Napoli giochino sempre gli stessi ed invece nella classifica dei 10 calciatori più impiegati in campionato non ce n’è nessuno dei nostri…”

Cosa manca a questo Napoli secondo lei per essere al top?

“Le partite in cui ci siamo espressi a livelli inferiori sono poche. Sotto il profilo della contunità non ci manca molto. In passato questo gruppo ha sempre avuto degli alti e bassi, il motivo non lo conosco perché non c’ero, ma ora che sono qui mi rendo conto che c’è sempre bisogno di fame e di stimoli per avere continuità. E sotto questo profilo domeni è un bel banco di prova per dimostrarlo”.

Ha già chiesto rinforzi sul mercato?

“No, io faccio l’allenatore e non il Direttore Sportivo. Sono un tecnico che non chiede solutamente giocatori ma che cerca di migliorare quelli che ha. Di mercato al limite si parlerà solo dopo la gara di domani, ma nella mia testa al momento c’è solo questa rosa nella speranza che fino a maggio tutti possano dare il massimo”

Ha pensato a qualche nuova soluzione rispetto alla fase offensiva?

“Ripeto: abbiamo numeri straordinari. Abbiamo segnato 53 gol e ne abbiamo subìti 14. Per fare meglio dobbiamo solo vincerle tutte perché migliorare questi numeri è davvero una impresa. Per tre mesi succede a tanti, per 5 mesi succede a pochi, per 10 mesi succede a pochissimi. Al momento non posso che essere contento di ciò che stiamo facendo”.

Poi gli auguri ai napoletani:

“Ai tifosi azzurri dico di trascorrere questo periodo di vacanze in serenità e noi dal nostro canto speriamo di contribuire a dare ancora una gioia ai nostri sostenitori”

Fonte: sscnapoli.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5993 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.