4 dicembre 2016

On. Scotto, SI: “Cantone? Renzi lo tira fuori ogni volta che deve uscire dall’impasse”

Arturo Scotto, deputato di Sinistra Italiana, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Elezione giudici Consulta. “La novità –ha affermato Scotto- è che il M5S, nonostante avesse bollato la candidatura di Barbera come renziana, alla fine l’ha votato senza spiegare in base a quale accordo. Dovrebbero spiegare perché hanno fatto quest’accordo. Mi fa piacere che facciano accordi, però devono spiegare come è possibile quest’intesa, dopo che hanno criticato per tutti questi mesi la candidatura di Barbera. Nessuno ha mai negato la competenza del prof. Barbera. Non parliamo di una figura secondaria. Parliamo però di una figura contestata dai deputati M5S perché schierata su posizioni  vicine al Pd. Io non amo il complottismo come il M5S, però due settimane fa Toninelli ha presentato un ordine del giorno dove chiedeva che al termine dell’iter delle riforme costituzionali l’Italicum non venisse più toccato dalla camera. Poi ha detto che era una provocazione quando è stato beccato con le mani nella marmellata. E Oggi votano Barbera… Non vorrei che ci trovassimo di fronte a una conversione postuma. Tutto è legittimo ma almeno non facciano quelli duri e puri”.

Anac gestirà gli arbitrati per gli obbligazionisti secondari colpiti dal crac banche. “Ho grande stima di Cantone –ha spiegato Scotto-, lo conosco da tanti anni e so che farà bene il suo lavoro. Mi lascia perplessa sua nomina in questo caso però. Cantone è presidente Anac, allora significa che quello delle banche non è un caso di mala gestione ma forse di corruzione. Questa è la crisi degli istituti di vigilanza autonomi: BANKITALIA e Consob. Se si arriva sempre a Cantone è perché c’è una crisi degli istituti di vigilanza e delle authority. Non vorrei che Renzi abbia deciso di assegnare questo caso a lui per darci un taglio e uscire dall’impasse. C’è una crepa tra il Paese e la narrazione del governo sul caso Banche”.

Caso Boschi. “E’ la stessa Boschi che parla di conflitto d’interesse –ha detto Scotto-, nel momento in cui lei non partecipa ai Consigli dei ministri quando si prendono decisioni che riguardano la banca in cui il padre era vice presidente. C’è un problema di ruolo. In un Paese normale, la ministra avrebbe fatto un passo indietro e avrebbe chiarito. Fino ad oggi non ha chiarito. E’ evidente che c’è un problema. Mi auguro che prima del voto della mozione di sfiducia la ministra faccia qualcosa. Come ha detto Bersani però c’è un difetto di arroganza nella nouvelle vague renziana quando si trova di fronte a qualche problema. Sono ragazzotti un po’ arroganti”.

Fonte: Radio Cusano Campus