10 dicembre 2016

Fiumicino – Sversamento, M5S: “Da settembre ad oggi 30mila litri estratti dal terreno”

Verso meta’ novembre alcuni contadini della zona di Castel di Guido Monti Sallustri, in una zona di massima protezione particolarmente importante dal punto di vista archeologico e della Riserva del Litorale, al confine fra i comuni di Roma e Fiumicino, hanno rilevato nei campi pronti per la semina di coltivazioni biologiche, ampie pozzanghere oleose caratterizzate da un forte odore di carburante.

A settembre si era gia’ verificato un primo sversamento di kerosene presumibilmente dalla condotta che dal deposito di Pantano di Grano, attraversando i campi coltivati, porta il carburante aereo al deposito aeroportuale di SERAM, ed allora erano intervenuti i tecnici ENI che avevano provveduto ad “aggiustare” l’oleodotto. Anche questa volta i residenti hanno chiamato il numero verde e sono intervenuti i tecnici ENI che hanno scavato e riparato la perdita, e delimitato un area di circa 1 ettaro lasciando sul terreno una dozzina di pozzetti dai quali esce un forte odore di carburante e da cui ogni giorno viene estratto il kerosene che ha inquinato la falda acquifera sottostante.

Stando alle dichiarazioni degli stessi operatori verrebbero estratti dal terreno circa 250 litri di kerosene puro al giorno, per un totale di circa 30.000 Litri da settembre a oggi. Si tratterebbe di uno sversamento grave quanto quello del novembre 2014, che venne immediatamente rilevato e denunciato in quanto il carburante fini’ nei corsi d’acqua di una zona abitata, mentre in questo caso l’impressione è che si stia cercando di minimizzare l’accaduto. Il danno è ingente, considerata la vicinanza di 3 sorgenti, di cui una di acqua potabile, ed il fatto che si tratta di terreni coltivati con metodi di agricoltura biologica, che ora rischiano di perdere i requisiti necessari per la certificazione.

Uno sversamento cosi’ grave ed importante non pu’ passare sotto silenzio e deve essere aperta quanto prima una Conferenza dei Servizi per quantificare il danno e definire il Piano di Caratterizzazione. Il territorio di Fiumicino è interessato da un consistente movimento petrolifero e dalla presenza di diversi impianti e negli ultimi 2 anni si sono verificati ben 18 sversamenti sul nostro territorio. Una delegazione di portavoce del Movimento5stelle fra cui i deputati Federica Daga e Stefano Vignaroli e la consigliera comunale Fabiola Velli, si è recata sul posto per un sopralluogo e sembra ritenere possibile che si tratti di una rottura e non di un furto, considerato che la zona interessata è fuorimano e difficile da raggiungere, e che la costruzione dell’oleodotto risale agli anni ’60 e la sua efficienza e sicurezza è tutta da verificare. Percio’ piuttosto che di un’ effrazione sembra probabile che si tratti di una rottura dovuta a un cedimento strutturale dell’oleodotto ormai fatiscente.

Questo porterebbe ad attribuire le responsabilita’ dei danni ad ENI, cambiando integralmente la situazione rispetto ad un semplice furto. In conclusione il punto è che molti oleodotti sono obsoleti e mettono a rischio il territorio e l’ambiente, ed è pertanto necessario che vengano effettuati i controlli sullo stato e la manutenzione degli oleodotti stessi e che ENI paghi i danni e chiuda i tratti a rischio.

Così in una nota il Movimento 5 Stelle di Fiumicino

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.